I VinidiSicilia a cui non rinunciare: i 12 Nero d’Avola di CronachediGusto

Continuiamo il viaggio di Cronache di Gusto per scoprire i vini siciliani che piacciono di più.

Continua a leggere “I VinidiSicilia a cui non rinunciare: i 12 Nero d’Avola di CronachediGusto”

I VinidiSicilia a cui non dovrete rinunciare: i 10 Grillo di CronachediGusto

Su Cronache di Gusto si raccontano i Vini di Sicilia, in preparazione al G7 di Taormina. Si inizia col Grillo e con le 10 etichette da loro consigliate:

Continua a leggere “I VinidiSicilia a cui non dovrete rinunciare: i 10 Grillo di CronachediGusto”

Un bicchiere con Vini Scirto (Gusto Nudo)

La chimica dell’amore – reciproco e verso la terra – è l’unica chimica ammessa a Vini Scirto, azienda vinicola di Passopisciaro, frazione di Castiglione di Sicilia, comune in provincia di Catania sulle pendici settentrionali dell’Etna. I vigneti hanno quasi un secolo di vita e sorgono a 650 metri di altitudine su un terreno di sabbia vulcanica. A lavorarli, Giuseppe e Valeria.

Continua a leggere “Un bicchiere con Vini Scirto (Gusto Nudo)”

Salvo Foti, the pillar of tradition in Mt Etna winegrowing (Wine — Mise en abyme)

Viticulture on the mountain is a mix of the traditional and these “newer” training systems and associated practices. There is no fiercer proponent and advocate of the traditional approach than Salvo Foti. Continua a leggere “Salvo Foti, the pillar of tradition in Mt Etna winegrowing (Wine — Mise en abyme)”

Tredici sfumature di Grillo. Cronache siciliane dal Vinitaly (Wine in Sicily)

Daniele Cernilli, aka Doctor Wine, dice la sua sul Grillo: preferisce definirlo tradizionale e non autoctono “il ceppo originario di quasi ogni vitigno europeo infatti” ci racconta “ha radici in Georgia”. Sottolinea come il Grillo faccia sue alcune delle caratteristiche dei rossi, pur essendo un bianco: è ricco infatti di polifenoli come il Greco o il Timorasso, dei veri e propri “neri bianchi”, ed in più ha una buona tenuta degli anni, invecchia bene.

IMG_2410

Continua a leggere “Tredici sfumature di Grillo. Cronache siciliane dal Vinitaly (Wine in Sicily)”

Un Etna Bianco di personalità! Nerina 2014 – Girolamo Russo

vinocondiviso

E’ da un bel po’ che non ti parlo di vini dell’Etna. Rimedio subito con un vino bianco dell’azienda Girolamo Russo. Il vino si chiama Nerina, in onore della mamma di Giuseppe che dal 2004 conduce l’azienda fondata dal padre Girolamo.

Etna Bianco "Nerina" 2014 - Girolamo Russo Etna Bianco “Nerina” 2014 – Girolamo Russo

Etna Bianco “Nerina” 2014 – Girolamo Russo

Il colore del vino è di un bel paglierino con riflessi dorati. L’olfatto parte con note affumicate, di cerino spento ed in generale è la mineralità a farla da padrona. Poi arriva il frutto con la scorza d’agrumi, la pera matura e quindi le erbe aromatiche ed i fiori gialli… Ad un naso così composito ed elegante fa da contrappunto un ingresso in bocca vigoroso, intenso e di una certa ampia morbidezza. Eppure l’acidità è ben presente e dona freschezza e verticalità allo sviluppo.

La chiusura è calda e persistente su note decisamente sapide.

87+

Plus

View original post 62 altre parole

Contrade dell’Etna 2017. Le 10 contrade scelte da VinidiSicilia

Contrade dell’Etna sta diventando sempre di più un’opportunità per far conoscere i vini dell’Etna al di là non solo dello stretto, ma oltre i confini nazionali.

20170403_122522.jpg
Continua a leggere “Contrade dell’Etna 2017. Le 10 contrade scelte da VinidiSicilia”

306 Nero d’Avola Bio Igp 2015 – Salvatore Tamburello

Uva e Pomodoro

306 Nero d’Avola Bio Igp 2015
(Salvatore Tamburello, Sicilia)

Un vecchio scrittore sconosciuto ha detto:
Nulla eguaglia la gioia dell’uomo che beve,
se non la gioia del vino di essere bevuto”.
(Charles Baudelaire)

L’Azienda agricola Biologica Salvatore Tamburello, a conduzione diretta, segue una tradizione familiare di oltre 5 generazioni che affonda le sue radici nell’Ottocento. Inizialmente, l’attività agricola è di tipo tradizionale e si concentra sulla produzione di mandorle, formaggi, cereali e olive di varietà Nocellara del Belice. L’azienda oggi è gestita da Salvatore Tamburello, che dal 2006 ne ha assunto la conduzione, impiantando nel 2009 il primo vigneto di Grillo e 700 nuovi alberi di ulivo, sempre Nocellara del Belice, e nel 2011 il primo vigneto di Catarratto. Introduce inoltre come metodo di coltivazione quella biologica, nel rispetto dell’ambiente e della salute dell’uomo. Nel 2014 inizia la prima vinificazione e l’imbottigliamento del Nero d’Avola, impiantato nel 2000 dal…

View original post 100 altre parole