Il vino come un ritratto (Identità Golose)

Le condizioni atmosferiche unite alla bravura della Occhipinti, danno alla luce grandissimi vini, che sanno di terra siciliana, di sole caldo e di acqua centellinata. Ecco perché il Frappato, il Siccagno, l’Sp68 rosso e bianco, il Grotte Alte e il Passo Nero diventano ritratti della zona che li ha dati alla luce.

Ritratti dell’isola e della sua madrina che tanto li ha desiderati e studiati nel profondo, così tanto da voler giocare con le vinacce e creare una grappa di frappato, un esperimento che nessuno aveva mai fatto prima. D’altronde quando si parla di pionierismo vitivinicolo in Sicilia si parla anche di Arianna Occhipinti, una donna che ha saputo ascoltare la sua terra e darle voce.

Per leggere l’intervista su Identità GoloseIl vino come un ritratto