“Il giorno che il Grillo” a Mozia (Giornalevinocibo)

Attilio Scienza: “E’ importante capire se del Grillo si vuole fare un vitigno identitario o elitario, vogliamo farne un vino siciliano che si fa in ogni angolo o vogliamo farne un vino selezionato e particolare, è necessario scegliere una precisa strategia. La Sicilia, come altre regioni è vittima delle mode, il successo va conservato e trasformato in cosa preziosa, una indiscriminata politica di impianti in tutta la Sicilia senza selezionare le zone più vocate potrebbe rivelarsi non ottimale. Il grillo è un vitigno recente, non affonda la sua storia nell’antichità, essendo contemporaneo abbiamo la possibilità di operare su di lui con facilità, sarebbe bello poterne fare il primo vitigno italiano con i geni di resistenza alla malattie attraverso la tecnica  del genoma editing, sarebbe un momento di comunicazione molto forte”

Qui l’intero articolo “Il giorno che il Grillo” a Mozia, il vitigno siciliano nelle sue migliori espressioni | giornalevinocibo, con le degustazioni dei “Grilli” di Alcesti, Alessandro di Camporeale, Baglio Cristo di Campobello, Baglio di Pianetto, Birgi, Cantine Europa Eughenes, Colomba Bianca, Cantine Paolini, Cantine Petrosino, Cantine Rallo, Cantine Settesoli, Caruso&Minini, Cusumano, CVA Canicatti, Donnafugata, Feudo Arancio, Firriato, Fondo Antico, Gorghi Tondi, Masseria del Feudo, Tasca D’Almerita,Tenute Rapitalà e Valle dell’Acate.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...