Tradizione e innovazione: il mix di Tenuta Bastonaca nel territorio del Cerasuolo (Cronache di Gusto)

Ritroviamo pertanto i tradizionali Nero d’Avola, Frappato, Grillo, ma anche un tocco d’innovazione con il Grenache ed il Tannat, in quantitativi questi minori, che si elevano verso l’alto crescendo appoggiati a delle canne, così come i nostri nonni facevano. Una visione di agricoltura naturale, dove non si fa irrigazione, facendo in modo che la terra rossa sia insieme al suo calore l’elemento unico che contraddistinguerà i vini. Poco più di 28 mila le bottiglie complessive prodotte quest’anno, cinque le etichette tra cui spicca “Sud” Igt Terre Siciliane, un blend di uve autoctone ed internazionali che al momento non è in commercio ma che uscirà ufficialmente il prossimo Vinitaly dove si presenterà accanto ad una nuova etichetta.

Sorgente: Tradizione e innovazione: il mix di Tenuta Bastonaca nel cuore del territorio del Cerasuolo

Il Grillo di Feudo Maccari

Grillo 2015 – Feudo Maccari

Vino&Stile

Siamo a Noto terra ricca di storia che ha visto il passaggio di differenti popolazioni e culture dai romani ai greci agli arabi ma anche i Normanni gli Aragonesi. E’ anche la “capitale del Barocco” grazie alla sua antichissima cattedrale.

E’ qui che sorge il Feudo Maccari che si estende su circa 1000 tumuli, (antica unità di misura dell’isola di Sicilia per la quale 1 tumulo è eguale a 1744 metri quadrati) di cui circa 450 a vigna, divisi in tre corpi sparsi sulle colline accarezzate notte e giorno dalla brezza marina. Il paesaggio è caratterizzato da alberi di carrubo, ulivi e mandorli in fiore tra cui spuntano quasi per incanto i caratteristici impianti ad alberello di Nero d’Avola.

La sfida di Feudo Maccari punta a scalare la qualità anche sui bianchi, anzi di un grande bianco classico di Sicilia il Grillo.

vino_grilloAbbiamo degustato il Grillo 2015 Feudo Maccari:

View original post 84 altre parole