Nicolas Gatti, dall’Argentina alle terre del Mamertino (Wining)

08-DSC_8767“Sto imparando a fare l’agricoltore, il mio lavoro era un altro. Ogni anno ho l’ansia di capire quale vino otterrò dalle uve che raccogliamo e portiamo in cantina al tempo della vendemmia. E’ come se ogni anno mi nascesse un nuovo figlio. Questo mi appassiona veramente parecchio. Martiniano è il figlio più piccolo. Curpanè dedicato a mio padre che era un amante dei malati di Cupranì (agricoltura e arte). Franco, dedicato al figlio più grande; Catalina a mia figlia. Il Nocera l’ho  chiamato Sicè, che è un’esclamazione: cioè il Nocera c’è. E’ il vitigno più rappresentativo per l’azienda e di tutta la provincia messinese. Ebbene, io ho un’idea fissa in testa: far conoscere il Nocera al mondo”.

Introduzione a Tenuta Gatti ed ai suoi vini, con una bella intervista qui su Wining

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...