Cantine Di Legami, la Sicilia del vino che cresce (EgNews) 

Al Berlinghieri Perricone Igt Terre siciliane 2014 Bio è andato il premio di “vino quotidiano”, ritenuto da Slow Wine uno dei vini italiani con il miglior rapporto qualità/prezzo.

Al Concours Mondial de Bruxelles il Berlinghieri Grillo Igt Terre siciliane 2015 Bio è stato premiato con la medaglia d’oro; menzione speciale per il Berlinghieri Chardonnay Igt Terre siciliane 2015 Bio all’International Wine Challenge (IWC) di Londra; con un punteggio di 92,60 il vino Zafarana Inzolia Igt Terre siciliane 2015 Bio ha conquistato la Gran Medaglia d’Oro alla Selezione del Sindaco e il Zafarana Syrah Igt Terre siciliane 2014 Bio Medaglia d’Argento.

Al Concorso Internazionale dei Vini biologici “Anphore” di Parigi, altre due medaglie d’argento assegnate rispettivamente al Berlinghieri Grillo Igt Terre siciliane 2014 Bio e al Berlinghieri Perricone Igt Terre siciliane 2014 Bio. Infine, alla Rassegna Biodivino, dedicata ai vini Bio italiani, il vino Zafarana Inzolia Igt Terre siciliane 2015 Bio ha conquistato il massimo riconoscimento con la Gran Medaglia d’Oro fra tutti i vini biologici d’Italia.

 

Sorgente: Cantine Di Legami, la Sicilia del vino che cresce – EgNews OlioVinoPeperoncino – gastronomia, vino, cucina, champagne, viaggi e turismo

Il vino perfetto: lo zibibbo secco è Serragghia (Gustodivino)

ll Serragghia 2013, 12.5% di alcol, è la perfezione fatta vino: bevuto dopo almeno due-tre anni come raccomanda Gabrio. E’ sublimazione in purezza di aromi e sensazioni, un concerto degno della London Philarmonic Orchestra, vino da meditazione ma anche da pasto.

I profumi, derivanti da quelle molecole aromatiche che gli addetti ai lavori chiamano terpeni, veleggiano con agilità tra le note floreali della zagara, del gelsomino, e del fiore di acacia, accompagnate da sentori di miele, biscotti croccanti al caramello, fichi secchi. Senza eccessi, vengono rapidamente stemperati da sottili, ma non per questo evanescenti, citrini e fluttuanti aromi di scorza di cedro e pompelmo.

L’insieme è elegante, equilibrato, non stanca ed anzi richiede l’urgenza di ricolmare il calice.

Il palato è stranamente delicato per un vino naturale aromatico per giunta macerato. Una corretta acidità sostiene il sorso verso una retrolfazione che si pone come naturale complemento degli aromi percepibili al naso. La persistenza aromatica è sostenuta e piacevolissima.

Il confronto con altri zibibbo secchi non regge: il Serragghia è l’archetipo dello zibibbo, la perfezione fatta vino, il riferimento per la categoria. Serragghia è Zibibbo allo stato dell’arte.

Sorgente: Il vino perfetto: lo zibibbo secco è Serragghia