L’incredibile Etna di Ferrara Sardo (Vinopolis)

La vigna di Nerello Mascalese si estende a pochi chilometri dal centro di Randazzo (CT) in Contrada Allegracore, ad un’altitudine di 700 metri, a nord dell’Etna, in una posizione ideale per godere del panorama circostante ed è una parcella di solo un ettaro. Il terreno è di origine vulcanica con substrato lavico a profondità variabile. Il vigneto, impiantato in parte 40 anni fa ed in parte oltre 50 anni fa, è coltivato nel rispetto della natura da oltre vent’anni, senza alcun utilizzo di diserbanti, concimi e prodotti chimici.

Il vino ‘Nzemulla, la sola etichetta prodotta da Bruno Ferrara Sardo, si può definire senza troppi complimenti un’espressione sublime del Nerello Mascalese in questa porzione d’Etna. Il vino, che fa affinamento in acciaio per un periodo che va dai 12 ai 16 mesi, conclude con un affinamento in bottiglia tra i 4 e i 6 mesi. Sono solamente 3000 le bottiglie prodotte che oscillano poco nel numero a seconda delle annate.

Sorgente: L’incredibile Etna di Ferrara Sardo. | Vinopolis – Il wine blog di Claudio Bonifazi

Francesco Guccione, un intenso vignaiolo!

la valigia di bacco

Francesco Guccione cura personalmente le sue vigne, quasi 6 ettari gestiti secondo i principi dell’agricoltura biodinamica, nel cuore della Val del Belice. Francesco ha scelto di praticare un’ agricoltura sana, volta al mantenimento del terroir, scelta, che, per coerenza, ha riportato anche in cantina, nel fare un vino che è un vero succo d’ uva, assolutamente naturale, senza lieviti aggiunti, senza composti chimici, senza ricorrere a moderne tecnologie. Non sempre la bellezza risiede in qualcosa di costruito e accattivante, la vera bellezza, la grande bellezza è quella che si misura nella salute della vigna, da quella vigna verrà fuori un vino che è un’esperienza esaltante per chi lo fa e per chi lo beve.

Una famiglia che da generazioni si occupa principalmente di agricoltura. Nel 2011 vicissitudini familiari sono l’occasione di una rinascita, le stesse vigne, la stessa mano che vinificava i primi vini, quella di Francesco, e una nuova cantina per ripartire.

L’azienda…

View original post 104 altre parole