Sicily – A Wine Region That’s An Island Apart (Forbes)

Sicily has many positive images (as well as a few not-so-positive), but when it comes to Sicilian wines, the subject is a bit of a puzzle to many. There are several reasons for this, but lately, producers in select areas such as Vittoria, Noto and Etna are crafting some pretty special products that are receiving a lot of attention and changing the mindset of consumers and the wine trade about the wines of Sicily.

Perhaps the most positive notion of Sicily is that everyone knows the name, and anyone can find it on a map of Italy; this last point is certainly not true with some of the country’s regions such as Abruzzo, Marche or Emilia-Romagna. So familiarity helps gets Sicilian producers get a foot in the door in the market, but unfortunately the identity of this region’s wines has for too long been one of sub-par quality.

This is based on the notion that Sicily is not a place to produce wines of elegance and finesse; the hot climate leads to lower acidity, meaning the wines lack structure and freshness. Add to that the fact that for decades, most table wine that emerged from the region was little more than bulk wine; flavorful, yet heavy, these wines were often shipped in tankers to other parts of Italy to “beef up” lighter red wines.

In fact, the history of quality for Sicilian wines in previous years was primarily focused on Marsala, one of the world’s most highly praised fortified wines, made in several styles, from very dry to medium-sweet. Yet even given the renown for the finest examples of Marsala, the strongest image with this wine for many consumers is for cooking, as with Veal Marsala or Chicken Marsala, hardly the stuff of greatness.

Antonio Rallo, proprietor of Donnafuagata Winery, one of Sicily’s most famous producers (PHOTO COURTESY OF DONNAFUGATA)

About 40 years ago, a few producers decided to do something about the image of Sicilian wines, so production of bulk wine was decreased – although it is still a large part of the region’s wine industry – and planting of international varieties such as Chardonnay, Cabernet Sauvignon, Merlot and Syrah were undertaken. Add to this a new focus on indigenous varieties such as Grillo and Carricante for white and Nero d’Avola and Frappato for red, and all of a sudden, the Sicilian wine pallete was aglow with a multitiude of colors and flavors.

Talk to enough Sicilian producers and you’ll learn they believe that Sicily is a magical place to make wine, as it is such a distinctive land. “The climate, the countryside, the customs, the terroir and its varieties are very different from other regions,” says Alessio Planeta, co-proprietor of his family’s winery, one of the region’s greatest ambassadors.

Alessio Planeta, co-proprietor of Planeta Winery, one of the best known of all Sicilian wine estates (PHOTO COURTESY PLANETA WINERY)

The weather, though it may be hot, does assure that almost anything can grow on the island. “Sicily is regarded a place that can grow almost any grape presenting an extraordinary patrimony of biodiversity with over 70 indigenous grape varieties,” comments Antonio Rallo of Donnafugata, another renowned Sicilian wine estate. “This is why people describe Sicily as a wine continent.

Given its viticultural history skewed toward workman-like wine, it is no surprise that there has not been an iconic Sicilian wine, such as Brunello di Montalcino from Tuscany, Barolo and Barbaresco from Piemonte or Amarone from the Veneto. While this may have meant a lack of media attention toward Sicilian wines, the renaissance that started 40 years ago and continues today, has resulted in exciting new ventures and paths of the region’s viticulture. “Sicily is in a constant acquisition of auto renewal,” says Planeta. There is an improvement in knowledge and awareness of our terroirs, as well as among ourselves.”

Today, the wines of the Etna District in northeastern Sicily, are the ones that garner the greatest attention. “Etna is the hot ticket for driving Sicily’s quality image, both in Italy and abroad, with its cooler climate, volcanic contenders red Nerello Mascalese and white Carricante having attracted much global attention among sommeliers and independent merchants,” Rallo remarks. Planeta agrees, commenting, “Etna has the magic at the moment and is a positive thing for all of the island.”

The wines of Etna are something of a minor miracle given the rocky soils of volcanic ash and pumice that were formed by lava flow from the nearby volcano. It’s a difficult venture for a grape grower, notes Giuseppe Tornatore of the eponymous Etna estate. “It takes a lot of patience and dedication because what elsewhere is done in one year, it is done in two years in Etna. It takes a lot of sacrifice, suffering always the magnetism of the volcano and everything that depends on it.

Examples of Etna Bianco are made primarily with the local Carricante grape and have various characteristics, with some offering melon and pear fruit, while others display distinct minerality, even resembling the wines of Chablis in Burgundy. Overall, the best of these whites have shown tremendous improvement in a very short period of time.

It is the reds however that are most famous, made from the indigenous Nerello Mascalese variety. These wines have been called “Italy’s Burgundies,” and no wonder given the appealing cherry and sometimes strawberry aromas and its sleek finish. Some producers have opted as of late for a more powerful style of Etna Rosso that is more tannic (almost like a Nebbiolo-based wine from Piedmont), but this dual identity only adds to the allure of the red wines of Etna.

Planeta Winery near Noto, one of several wine facilities of the company (PHOTO COURTESY OF PLANETA WINERY)

Arguably the best-known red from Sicily over the past twenty years has been Nero d’Avola, an indigenous variety. Its popularity is due to its appealing black cherry and plum fruit backed by relatively smooth tannins. Sicilian producers love it, as it also works well when blended with other red varieties such as Merlot and Syrah.

The Duca di Salaparuta winery bottled the first monovarietal Nero d’Avola they named “Duca Enrico” back in 1984; today this is still regarded as one of the best examples of this variety. Other classic examples include the “Mille e Una Notte” from Donnafugata (about 90% Nero d’Avola) and the “Santa Cecilia” from Planeta, labeled as Noto DOC. This last wine, initially made in the 1997 vintage, has become a classic example of Nero d’Avola structured for aging, as 12 and 15-year old bottles are still drinking well.

Another red that has become successful over the past few years is Cerasuolo di Vittoria, a blend of Nero d’Avola and Frappato. Cerasuolo means “cherry like”; this fruit emerges in the aromas, along with red and orange rose perfumes, and there are soft, silky tannins, thanks to the Frappato. Here is a red that tastes great when chilled for 15-20 minutes, and given the lightness of the tannins, it is ideal with duck breast, chicken in red wine or even tuna. Top examples include the Feudi del Pisciotto “Giambattista Valli”, the “Floramundi” from Donnafugata, and the alluring, ultra delicious “Dorilli” from Planeta.

Briefly on whites, Grillo is an indigenous variety that for years was used in the production of Marsala. But on its own, it has appealing exotic fruit aromas and pairs well with a variety of foods, from poultry to lighter seafood; look for the examples from Valle dell’Acate and the “Sur Sur” from Donnafugata.

There are countless other whites that I can recommend, from the 100% Fiano from Planeta known as “Cometa,” a sumptuous, dry white that is among Italy’s best, as well as “Lighea” a dry Zibibbo (Moscato) from Donnafugata, and the Tasca d’Almerita “Contea di Sclafani” Chardonnay. There are countless treasures – white, red and sweet – throughout Sicily – and the best producers there are diligent in their efforts to take the region’s wines to the next step, as Planeta remarks. “We are past the period of experimentation and are now in a period of increasing our knowledge of our terroirs. We are uniting the results of past years with a studious attention of tradition.

The rest of this interesting article and the notes on current releases are here.

Le Chiocciole di Sicilia di Slow Wine 2019

In arrivo un’altra guida enologica 2019, Slow Wine, con le sue Chiocciole, simbolo assegnato a una cantina per il modo in cui interpreta valori (organolettici, territoriali e ambientali) in sintonia con Slow Food. L’attribuzione di questo simbolo implica l’assenza di diserbo chimico nei vigneti. I vini di una Chiocciola rispondono anche al criterio del buon rapporto tra la qualità e il prezzo, tenuto conto di quando e dove sono stati prodotti.

Le Chiocciole di Sicilia presenti nell’edizione di quest’anno sono 12, con le novità di Bonavita e Calcagno; eccole di seguito con il link ai relativi siti web:

In totale sono 201 le Chiocciole assegnate quest’anno; qui potete trovare l’elenco completo.

I Top Hundred 2018 Siciliani di Massobrio e Gatti

Compie 16 anni la sfida di Paolo Massobrio e Marco Gatti di individuare ogni anno 100 cantine che meritano il podio, senza mai premiare quelle degli anni precedenti. “Vogliamo arrivare ai 20 anni – dicono gli autori di un libro in uscita nei prossimi giorni (Vino: assaggi memorabili di quel giorno e di quell’ora. Cairo Editore) – perché questo esercizio ci ha fatto conoscere dal vivo l’evoluzione qualitativa del vino italiano”.

Top Hundred 2018: le novità che saliranno sul palco a Golosaria

È lo specchio dell’Italia del vino a cui sono stati aggiunti, da due anni, i “Fuori di top”. Si tratta in questo caso di cantine, per lo più piccole o piccolissime e spesso nuove, con vini eccezionali scoperti a chiusura della selezione effettuata con degustazioni collettive. In questo caso i 40 vini, sono stati promossi direttamente sul campo o da Massobrio o da Gatti, quindi senza passare dalle degustazioni plenarie.

A completare il quadro la scelta di 21 Cantine “Memorabili” che rappresentano quelle realtà storiche, già premiate con il Top Hundred, ma che vivono un costante miglioramento della loro offerta. Infine, come ogni anno, il riconoscimento dei Top Hundred ha anche i Top dei Top, ossia l’eccellenza per ogni categoria.

Come sono andati i vini di Sicilia quest’anno? Molto bene, a partire proprio da quest’ultima categoria: due cantine siciliane sono state infatti premiate per i Top dei Top. Il migliore fra i vini bianchi è infatti il Terre Siciliane Bianco “Il Coro di Fondo Antico” 2016 della cantina Fondo Antico di Trapani mentre fra i passiti il Moscato Passito di Noto 2017 di Feudo Luparello di Pachino (SR).  Continue reading “I Top Hundred 2018 Siciliani di Massobrio e Gatti”

Grillo Doc 2017 – Baglio delle Fate

Uva e Pomodoro

Grillo Doc 2017
(Baglio delle Fate, Sicilia)

Il vino è la risposta della terra al sole.
Margaret Fuller

La cantina Baglio delle Fate si trova a Caltagirone e nasce per volontà di Judeka S.r.l. Società Agricola, che ne detiene sia la proprietà che il controllo.
Il packaging di “Baglio delle Fate”, rappresenta fortemente la Sicilia, ed in particolare, l’area in cui opera l’azienda, Caltagirone, famosa nel mondo per le ceramiche artistiche, ad essa si ispirano sia le etichette che il logo: la testa di Moro.

Sapete la leggenda della testa di Moro? Ve la raccontiamo in breve: la leggenda narra che nel quartiere arabo di Palermo, la Kalsa, durante la dominazione araba, vi abitasse una bellissima fanciulla che trascorreva le giornate a curare i fiori del suo balcone. Un giorno, un giovane moro, passando sotto il balcone della fanciulla, la notò e se ne invaghì perdutamente. Le dichiarò subito il…

View original post 238 altre parole

Col Bus Volkswagen nella Valle del Belice. “In Viaggio tra i Filari” 50 Anni dopo il Terremoto

Palermo, 11 settembre – Raccontare un Belice “a colori”, contrapposto al Belice in bianco e nero, quello legato al dolore del sisma, ai crolli, alla disperazione. Un nuovo racconto di vita, che valorizzi quello che è il Belice oggi, nel 2018, a cinquant’anni di distanza dal terremoto che ha reso questo territorio tristemente famoso nel mondo.
E’ questo l’obiettivo dell’edizione 2018 di In viaggio tra i Filari, il progetto ideato da Gianfranco Cammarata, giovane appassionato di vino e ristoratore palermitano, che già dallo scorso anno gira l’Isola a bordo del suo bus Volkswagen T2 arancione del 1971 per narrare la Sicilia del vino.

bus 3 zona gibellina

Il cuore del progetto sarà il blog www.inviaggiotraifilari.it,  che narrerà passo dopo passo le tappe del viaggio, attraverso un diario di bordo quotidiano, accompagnato da foto e video. Insieme al blog anche i social network (Facebook, Instagram e Twitter) che permetteranno di descrivere il bello del Belice attraverso le più moderne forme di comunicazione. Continue reading “Col Bus Volkswagen nella Valle del Belice. “In Viaggio tra i Filari” 50 Anni dopo il Terremoto”

Sicilia, il Passito della Solidarietà

winestopandgo

thumbnail (1).jpg

“Per noi il vino è sempre stato gioie e dolori perché vissuto con passione e amore, non come semplice mestiere o business. Questa mattina la più brutta delle sorprese, di quelle che ti lasciano basita, incredula: hanno rubato il nostro zibibbo quasi appassito, quindi per noi ancora più prezioso. Un lavoro enorme di un anno, fra cura della vigna e poi di una difficilissima vendemmia. RUBATO in una notte. In un territorio dove papà ha iniziato a lavorare con difficoltà ma caparbietà credendo fortemente in questo vino e dove si dorme con le porte aperte per la fiducia che abbiamo sempre avuto in questa isola. Non ci sono parole, solo delusione e amarezza”.

Questo il post apparso in questi giorni su Facebook e firmato da Gipi De Bartoli, #vendemmia2018 #Zibibbo #Bukkuram

Uno di quei post che non vorremmo mai leggere. Che dice tutto. Che insieme a tanta tristezza scatena rabbia, dolore…

View original post 505 altre parole

Tre Bicchieri 2019: i Vini di Sicilia

Pubblicata in questi giorni sul sito del Gambero Rosso l’antemprima dei 3 Bicchieri premiati nella guida del 2019: ancora in crescita il numero dei vini di Sicilia presenti. Infatti, dopo i 20 del 2016, i 21 del 2017 e i 22 del 2018, quest’anno i vini dell’isola presenti sono arrivati ad essere 25.

9159577bce7cda126f02938faf6ea1e6_L.jpg

Fra i nuovi nomi che compariranno quest’anno nella Guida del Gambero Rosso, si notano quelli di Cantine Mothia, Tenuta di Fessina, Alta Mora, Palmento Costanzo, Graci, Giroloamo Russo e Tenute Bosco. Notevole la presenza dei vini dell’Etna, a testimonianza della crescita continua della Muntagna nel mondo dell’enologia: sono 3 i bianchi e addirittura 8 i rossi (il doppio dello scorso anno) premiati. Continue reading “Tre Bicchieri 2019: i Vini di Sicilia”

“In Viaggio tra i Filari – Belice edition”: 50 anni dopo il terremoto

Palermo, 6 settembre – Raccontare un Belice “a colori”, nell’anno del 50esimo anniversario del terremoto, contrapposto ad un Belice in bianco e nero, legato al dolore del sisma, attraverso le storie dei produttori di vino dei 19 Comuni della Valle del Belice che negli anni hanno contribuito alla rinascita del territorio.

cretto.jpg

E’ l’obiettivo della seconda edizione di In viaggio tra i filari, il progetto ideato dal giovane ristoratore palermitano Gianfranco Cammarata, che già dallo scorso anno gira l’Isola a bordo del suo bus Volkswagen T2 arancione del 1971 per narrare la Sicilia del vino. Continue reading ““In Viaggio tra i Filari – Belice edition”: 50 anni dopo il terremoto”

Ci hanno portato via il Bukkuram 2018: …

Per noi il vino è sempre stato gioie e dolori perché vissuto con passione e amore, non come semplice mestiere o business.
Questa mattina la più brutta delle sorprese, di quelle che ti lasciano basita, incredula: hanno rubato il nostro zibibbo quasi appassito, quindi per noi ancora più prezioso.
Un lavoro enorme di un anno, fra cura della vigna e poi di una difficilissima vendemmia. RUBATO in una notte.
In un territorio dove papà ha iniziato a lavorare con difficoltà ma caparbietà credendo fortemente in questo vino e dove si dorme con le porte aperte per la fiducia che abbiamo sempre avuto in questa isola.
Non ci sono parole, solo delusione e amarezza“.

Queste parole di Gipi De Bartoli comparse ieri sulla pagina Facebook di Marco De Bartoli ci hanno lasciato sbigottiti, amareggiati, addolorati. Perché chi ama i vini di Sicilia, anche ben al di là dei confini della nostra isola, non può non sentirsi così di fronte a tanta cattiveria, avidità e stupidità umana. Non solo per quello che non ci berremo quest’anno, noi Bukkuram-dipendenti, noi dell’hashtag #iobevodebartoli, noi che dei Vini di Sicilia cnefacciamo bandiera. Ma soprattutto per la mancanza di rispetto verso gli uomini e delle donne (Gipi prima fra tutte) che ci hanno messo passione, sudore, energie, tempo e tanta forza di volontà.

40766692_1098140587014940_6398364049599365120_n Continue reading “Ci hanno portato via il Bukkuram 2018: …”