Il faticoso restauro del vigneto di Monte Ilice (Santa Maria La Nave)

Tra Nerello e Carricante

Sonia Spadaro, proprietaria di Santa Maria La Nave, ha pubblicato nei giorni scorsi un articolo ricco di poesia e passione sul restauro di un vigneto sul Monte Ilice.  Si tratta di un appezzamento di terreno sito sul ripido pendio di questo cratere spento, originatosi a seguito di una violenta eruzione avvenuta circa mille anni fa sul versante Sud-Est dell’Etna. Il vigneto è prevalentemente di Nerello Mascalese e Cappuccio, ma al suo interno crescono tanti altri vitigni autoctoni dell’Etna, alcuni quasi estinti, molto rari o non ancora identificati, tutti allevati con l’antico metodo dell’alberello etneo.

Monte-Ilice-01-2048x1572

Ecco una parte del suo racconto, che Sonia ci ha gentilmente autorizzato a pubblicare, post  da cui abbiamo scelto anche un paio di foto, post che potete leggere per intero sul blog di Santa Maria La Nave, qui:  Il faticoso restauro del vigneto di Monte Ilice

Ristrutturare, recuperare il bello di un tempo…

View original post 602 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...