Suber: il vino potente di Caltagirone

Le vigne di Nero d’Avola, Frappato e Alicante, sono allevate con il tradizionale sistema di allevamento ad alberello. Le viti sono sostenute da un tutore in legno di castagno e i tralci sono legati con fili biodegradabili ed ecocompatibili di “liama” (Cortaderia Jubata), cresciuta spontaneamente ai bordi della vigna.

LA FILLOSSERA

Nelle vicinanze di Caltagirone, in Sicilia, c’è il Bosco di Santo Pietro, una riserva naturale di 30.000 ettari, da sempre fonte di risorse naturali e di biodiversità per gli abitanti della città. Proprio in prossimità di questo bosco si trovano i vigneti della Azienda agricola Daino. Il vino Suber prende il nome dalla querce secolari del Bosco (Quercus Suber).

Quercia secolare Bosco di Santo Pietro – ph. Az. Agr. Daino

Le vigne di Nero d’Avola, Frappato e Alicante, sono allevate con il tradizionale sistema di allevamento ad alberello. Le viti sono sostenute da un tutore in legno di castagno e i tralci sono legati con fili biodegradabili ed ecocompatibili di “liama” (Cortaderia Jubata), cresciuta spontaneamente ai bordi della vigna.

Le vigne sono impiantate seguendo uno schema regolare detto quinconce che ricalca la forma geometrica del rombo.

Sistema a quinconce

La vite coltivata ad alberello ha…

View original post 200 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...