I Faccini di Sicilia 2019 di Doctor Wine: 96, 97 e 98/100

Ci siamo: quello che segue è l’elenco finale con la seconda e ultima parte dei premi di Doctor Wine, che segue quella dei 95/100 pubblicata la scorsa settimana. Ecco i vini  di Sicilia che in degustazione cieca sono stati premiati da Doctor Wine.

L’anno scorso erano 7 quelli segnalati con 95 centesimi, mentre quest’anno sono 5. In attesa di vedere le ulteriori valutazioni di Doctor Wine, ecco l’elenco dei 96/100: Continue reading “I Faccini di Sicilia 2019 di Doctor Wine: 96, 97 e 98/100”

Muscarò 2017- Cossentino

Uva e Pomodoro

Muscarò 2017
(Az. Agricola Cossentino, Sicilia)

Un buon vino è come un buon film:
dura un istante e ti lascia in bocca un sapore di gloria;
è nuovo ad ogni sorso e, come avviene con i film,
nasce e rinasce in ogni assaggiatore.
Federico Fellini

Cossentino è un’azienda familiare che, dopo aver venduto per anni vino sfuso, dalla fine degli anni ’90 comincia a sperimentare le varietà più adatte con la consulenza dell’Istituto regionale del Vino e dell’Olio (Irvo). Estirpa la maggior parte del Catarratto, lasciando le viti migliori allevate ad alberello e immettendo Nero d’Avola, Grillo, Chardonnay, Cabernet e Syrah.

Nel 2006 realizza la propria cantina ed inizia a commercializzare le sue prime bottiglie. Ad oggi la cantina Cossentino vanta 15 ettari di vigneti, tutti biologici, che insistono nelle colline partinicesi a quote tra i 350 e 450 m slm, e 14 etichette. La produzione del Moscato Rosa…

View original post 389 altre parole

Etna 10 anni fa. Una retrospettiva attraverso 12 vini (Vinodabere)

La degustazione che da tre anni a questa parte inizia ad essere un emblema ed identifica sempre di più la VINIMILO è quella di “Etna dieci anni fa“, pensata ed ideata da Salvo Foti, al fine di rendere partecipi i consumatori e tutti gli appassionati di vino, delle potenzialità e dello stato evolutivo dei vini etnei. Nel 2008 il numero di cantine presenti sull’Etna ha avuto un incremento. Ciò ha dato la possibilità di poter degustare per questa terza edizione di Etna dieci anni fa un numero cospicuo di vini (sia bianchi che rossi) rigorosamente Etna D. O. C. Quest’anno poi il Consorzio dell’Etna D. O. C. ha eletto un nuovo Presidente (Antonio Benanti) e ricorre l’anniversario dei cinquant’anni per il riconoscimento della Denominazione di Origine Controllata.

Continue reading “Etna 10 anni fa. Una retrospettiva attraverso 12 vini (Vinodabere)”

Lipari e l’introvabile Isola bianca di Danilo Conti (Wine in Sicily)

Il vino è una faccenda di luoghi e di uomini (o donne). La prima attiene all’elemento geografico: sul dove nasce e cresce il frutto, ovvero il clima, il sole, il suolo, il vento, l’aria, la vegetazione, i profumi e tutto ciò che c’è attorno. Nel caso di un’isola, ad esempio, il mare.

La seconda attiene al carattere e alla personalità degli uomini che lo fanno.

Il caso della Azienda Agricola San Bartolo di Danilo Conti, di casa a Lipari, nello sfavillante arcipelago eoliano, mi colpisce e mi tocca da vicino. Continue reading “Lipari e l’introvabile Isola bianca di Danilo Conti (Wine in Sicily)”

I Faccini di Sicilia 2019 di Doctor Wine: 95/100

Arriva anche quest’anno la guida dei migliori vini secondo Doctor Wine; quali i vini di Sicilia che per Daniele Cernilli meritano un Faccino?

faccini 95/100 doctorwine Guida 2019

L’anno scorso erano 7 quelli segnalati con 95 centesimi, mentre quest’anno sono 5. In attesa di vedere le ulteriori valutazioni di Doctor Wine, ecco l’elenco dei primi segnalati:

  • Contessa Entellina Milleeunanotte 2014, Donnafugata 
  • Etna Rosso Feudo di Mezzo 2016, Girolamo Russo 
  • Rosso del Soprano 2016, Palari
  • Sicilia Bianco Adénzia 2017, Baglio del Cristo di Campobello 
  • Sicilia Saia 2016, Feudo Maccari

A quest due link l’intera listaI Faccini DoctorWine 2019 con 95/100 (1) I Faccini DoctorWine 2019 da 95/100 (2)

Torna “La Terra Trema”: I vini di Sicilia dell’edizione 2018

Abbiamo il piacere di comunicare che la dodicesima edizione de LA TERRA TREMA si terrà a Milano dal 30 novembre al 2 dicembre 2018 al Leoncavallo Spazio Pubblico Autogestito.

a
LA TERRA TREMA torna a Milano per accogliere le centinaia di storie di agricoltura e viticoltura che siete chiamati a rappresentare in prima persona.
Una celebrazione annuale lunga tre giorni nel corso dei quali, come d’abitudine, alle narrazioni si alterneranno concerti, presentazioni, degustazioni guidate, laboratori.

La Sicilia sarà rappresentatà dalle seguenti cantine:
Bertolino – Marsala (TP)
Bosco Falconeria – Partinico (PA)
Cantina Malopasso – Zafferana Etnea (CT)
Cantine Barbera – Menfi (AG)
Enò-Trio – Nunzio Puglisi – Randazzo (CT)
Fenech – Isola di Salina (ME)
Mulsum – Volzone – Trecastagni (CT)
Valcerasa – Alice Bonaccorsi – Randazzo (CT)
Viteadovest – Marsala (TP) Continue reading “Torna “La Terra Trema”: I vini di Sicilia dell’edizione 2018″

Harvest on Mount Etna – Santa Maria La Nave (VIDEO)

This video tells about the 2017 harvest on Santa Maria La Nave’s vineyard on Monte Ilice. As you will see from this other video, Monte Ilice is a crater of incredible beauty. It is quite recent: less than 1000 years old, nothing if you consider that Mount Etna was born more than 600.000 years ago…

Etneans have understood Monte Ilice agricultural potential and started to cultivate it a few centuries after it was created. The soil, made of black volcanic sand and stone chippings, was perfect to grow Nerello Mascalese, Nerello Cappuccio, Carricante, Catarratto, and other local grapes that would be used to make Etnean wines. The grapes stayed intact until they were perfectly mature, thanks to the inclination of the crater, its exposure and its sandy soil, and the wine was deemed of high quality and “suited to the navigation” – i.e. it could endure a long sea journey. These characteristics played a critical part in the survival of the vineyard on Mount Ilice through the centuries. Continue reading “Harvest on Mount Etna – Santa Maria La Nave (VIDEO)”

How Nero d’Avola is shaping the future of Sicilian wine (imbibe.com)

For anyone whose main experience of islands is the Isle of Wight, Sicily comes as a bit of a shock. Admittedly, both have plenty of sea, beach and pensioners driving round on holiday. But, whereas you can cycle most of the way round the splodge in the Channel in a day (at least, you can if you’re fitter than I am), Sicily is big. And lumpy. Even if he doped himself up like Lance Armstrong, Chris Froome couldn’t get round this little beauty in 24 hours.

At 25,000 sq m, Sicily is bigger than Wales and its geography is, frankly, nuts. On the meeting point of two tectonic plates, it’s a mountainous island with no shortage of 1500m-high peaks in the central range and along the north coast.

At its eastern edge, gazing over the rest of the island like a bad tempered grandmother, is the looming, belching, grumbling presence of Mount Etna. The beach at Shanklin struggles to compete. Which – in a seamless segue – is also what Sicily was struggling to do until recently. Continue reading “How Nero d’Avola is shaping the future of Sicilian wine (imbibe.com)”

Tutti i Vini di Sicilia premiati dalla Guida de L’Espresso

Abbiamo scritto l’altro giorno dei vini Siciliani premiati dalle cinque bottiglie; ricapitoliamo in questo articolo le altre cantine premiate, con i loro vini, secondo la Guida de L’Espresso.

DSC_1440-1300x867

La “guida” nella “guida” dei vini, quest’anno ha premiato per ogni tipologia, vini spumanti, bianchi, rossi, rosati, dolci, divisa in macro aree, stilando cinque classifiche: quella dei 100 migliori rossi, i 100 bianchi, i 100 spumanti, poi i 30 migliori vini dolci/passiti e i 30 rosati. 

Fra i migliori 30 migliori vini dolci di tutta Italia, il Passito di Pantelleria Bukkuram Sole d’agosto 2015 di Marco De Bartoli che ottiene le cinque bottiglie. Quattro bottiglie per Malvasia delle Lipari Na’jm 2014 di Cantine Colosi, Marsala Superiore Riserva Oro Héritage Vintage 2012 di Cantine Intorcia e Moscato di Noto Pioggia di Stelle 2012 di Cantine Marilina.

Tra i migliori 100 vini bianchi, l’Etna Bianco Arcuria 2016 di Cantine Graci che ottiene il massimo riconoscimento (le cinque bottiglie). Seguono l’Etna bianco A’ Puddara 2016 di Tenuta di Fessina, Etna Bianco di Mariagrazia 2016 di Tenuta Benedetta, Etna Bianco Sciare Vive 2017 di Vigneti Vecchio, Etna Bianco Superiore Pietramarina 2015 di Benanti, Menfi Lalùci 2017 di Baglio del Cristo di Campobello, Menfi Sur Sur 2017 di Donnafugata, Menfi Terebinto 2017 di Planeta.

Nella sezione dedicata ai rossi, massimo riconoscimento per Etna Rosso Vigna Barbagalli 2015 di Pietradolce, mentre con quattro bottiglie ci sono l’Etna Rosso San Lorenzo 2016 di Girolamo Russo, il Cerasuolo di Vittoria Docg delle Fontane 2012 di Cos e il Siccagno 2015 di Arianna Occhipinti.

Infine fra i trenta migliori rosati d’Italia, l’Etna Rosato di Martinella di Cantine Vivera.

Le 5 Bottiglie di Sicilia 2019 dei Vini d’Italia/L’Espresso

E’ arrivato il momento di una nuova guida 2019; quest’anno L’Espresso ha scelto di non pubblicare una guida separata ma  per la prima volta nello stesso volume della guida ai ristoranti.

“Una guida nella guida”, la definisce il direttore Enzo Vizzari, “una via del tutto differente dalle guide classiche, perché abbiamo deciso che non fosse il caso di aggiungere un ulteriore, corposo capitolo all’ingente massa di pubblicazioni annuali sul vino, ma piuttosto di puntare alla realizzazione di un ritratto stilizzato del meglio che abbiamo degustato nell’ultimo anno, rinunciando alla pretesa di assaggiare e giudicare tutto, ma garantendoci un’assoluta libertà nella scelta”, secondo il curatore Andrea Grignaffini.

(WineNews)

Sono 56 l’etichette premiate con le “5 Bottiglie”, soltanto 3 delle quali della nostra Isola. Eccole: