Contrade dell’Etna 2019: 14 e 15 aprile

E’ l’evento dell’anno per gli amanti dei vini dell’Etna: Contrade dell’Etna anche nel 2019 si terrà dopo il Vinitaly di Verona, ma per la prima volta durerà 2 giorni, cioè domenica 14 e lunedì 15 aprile 2019.

20180423_131621

Abbiamo una data, ma non ancora la conferma ufficiale; seguite questa pagina per avere aggiornamenti, su data, location e cantine presenti, che condivideremo non appena disponibili.

Contrade ha fatto parlare tanto negli ultimi anni, nel bene e nel male; noi l’anno scorso ci siamo sentiti in dovere di sottolineare alcune aspetti che speriamo siano presi in considerazione dall’organizzazione quest’anno. Siamo molto contenti di leggere che sembra proprio che qualcuno abbia ascoltato i dubbi e le perprlessità sorte nel corso dell’ultima edizione: infatti quest’anno le cantine dovranno presentarsi con le annate più recenti del vino prodotto, nella giornata di domenica, dedicata alle anteprime, ma saranno liberi di portare anche le annate meno recenti, nella giornata di lunedì. Non ci sarà limite alle annate né alle referenze. 

Questo invece l’elenco delle cantine partecipanti nel 2018 e i nostri Top10 degli eventi del 2017 e 2016

Top 10 Nero d’Avola 2018 (Wine Searcher’s data)

Let’s start again to browse on the data Wine Searcher to see which are the wines of Sicily that have been searched on the Internet during 2018. We speak about a wine that is stil an emblem, a distinctive product of our island: the Nero d’Avola.

nerodavola

  1. Cusumano – Nero d’Avola Terre Siciliane IGT
  2. Feudi del Pisciotto – ‘Versace’ Nero d’Avola Terre Siciliane IGT
  3. Tasca d’Almerita – Tenuta Regaleali Nero d’Avola Sicilia
  4. Azienda Agricola Arianna Occhipinti – ‘Siccagno’ Nero d’Avola Sicilia IGT
  5. Gulfi – Nerojbleo Nero d’Avola Sicilia IGT
  6. Donnafugata – Sedara Nero d’Avola Sicilia IGT
  7. Feudo Maccari – Nero d’Avola Sicilia IGT
  8. Firriato – Harmonium Nero d’Avola Terre Siciliane IGT
  9. Feudo Principi di Butera – Nero d’Avola Sicilia IGT
  10. Tasca d’Almerita -Tenuta Regaleali Lamuri Nero d’Avola Sicilia IGT

Here the result of last year.

 

Il futuro del Catarratto è Lucido

I produttori siciliani avranno la possibilità di etichettare con il sinonimo Lucido” i vini ottenuti dalle varietà Catarratto Bianco Comune e Catarratto Bianco Lucido coltivate nel territorio della Regione Sicilia.

downloadLa decisione arriva dopo due anni di trattative portate avanti a livello regionale e nazionale dal Consorzio di tutela vini Doc Sicilia. Interpretando le esigenze dei produttori vinicoli siciliani, il Consorzio si è fatto carico della necessità di trovare un’alternativa al nome “Catarratto”, che risultava, specie nei mercati internazionali, di scarso appeal o difficilmente pronunciabile. Da qui la scelta di fare ricorso a “Lucido”, termine usato anticamente in Sicilia per indicare entrambe le varietà di Catarratto. Continue reading “Il futuro del Catarratto è Lucido”

I Vini Top (e le Cantine) della guida “Vini di Sicilia” 2019

Presentata al circolo Telimar di Palermo la guida «19 Vini di Sicilia», edita dal Giornale di Sicilia Editoriale Poligrafica S.p.A e da S.E.S. Società Editrice Sud s.p.a., in collaborazione con Slow Food Editore, in vendita con il Giornale di Sicilia e la Gazzetta del Sud. Oltre 100 produttori del territorio si raccontano con i loro vini tra le pagine di questo vademecum di facile consultazione.

guida ai vini siciliani, Sicilia, Società

Ecco i VINI TOP Continue reading “I Vini Top (e le Cantine) della guida “Vini di Sicilia” 2019″

Gli Imperdibili della Guida dell’Etna

Un territorio che cresce in qualità, in modo esponenziale“.

Con queste parole Fabrizio Carrera ha presentato, in occasione di Taormina Gourmet, la Guida del’Etna 2018-2019 edita da Cronache di Gusto. Terza edizione che copre il biennio 2018/2019 e contiene i giudizi delle nuove annate delle produzioni del Vulcano. Nella Guida sono recensiti, complessivamente tra bianchi, rossi e rosati, 310 vini. 

etna-2018 Continue reading “Gli Imperdibili della Guida dell’Etna”

Ecco le 4 Viti 2019 di Sicilia della Guida Vitae

La biodiversità in ambito vitivinicolo è il tema di Vitae 2019, la guida ai vini edita dall’Associazione Italiana Sommelier. L’Italia, più di ogni altro paese al mondo, vanta un patrimonio ampelografico di straordinaria ampiezza, composto da migliaia di vitigni dalle differenti peculiarità. Dalla Valle d’Aosta alla Sicilia, ogni cultivar riflette le caratteristiche della terra che la nutre: un variopinto primato che affiora tra le pagine di quest’opera corale, attraverso scorci ravvicinati di tralci e grappoli d’uva, rappresentati da vivaci tratti di colore.

Sempre ricca di contenuti, la quinta edizione della Guida Vitae è connotata da una struttura ancora più agile: la disposizione dei testi su due colonne e un impianto arioso rendono più razionale la lettura delle schede. La nuova grafica si rivela ideale sia per una rapida consultazione tecnica sia per chi desidera approfondire i contenuti.
Continue reading “Ecco le 4 Viti 2019 di Sicilia della Guida Vitae”

I Vini di Contrada di Arianna: 3 sfumature di Frappato

Dalla pagina Facebook di Arianna Occhipinti apprendiamo con grande soddisfazione della prossima uscita dei suoi Cru di Frappato, o Vini di Contrada (come da lei definiti), i cui campioni avevamo assaggiato e raccontato quando ci ha aperto le porte della sua cantina a maggio dello scorso anno.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Vederli in bottiglia è per noi emozionante e non vediamo l’ora di versarli nei nostri calici. Ecco il racconto di Arianna:

Il nostro lavoro in vigneto è una inesauribile fonte di osservazione.
In particolare negli ultimi anni mi sono concentrata sui suoli e sulla potenzialità delle contrade di Vittoria e delle loro influenze sui vini. Mi sono resa conto che le vigne lavorano su questo gioco di sabbia e calcare, che nei vini è frutto e setosità da un lato, come anche acidità e energia dall’altro. La stessa ricerca mi ha stimolato poi ad andare oltre pensando a una vigna un vino. O meglio tre.

Pettineo: è una contrada storica oltre il promontorio di Serra San Bartolo; storicamente ha prodotto vini sempre molto eleganti grazie a uno strato di sabbia di origine marina sciolta e profonda (50 cm) con poca presenza di ciottoli calcarei in superficie. La Chiusa di Pettineo ha circa 60 anni ed è un vecchio alberello che fu trasformato in spalliera, facendo arrampicare tra i tralicci le piante che ora hanno anche forme monumentali. PT. Bottiglie prodotte 2700.

Fossa di Lupo: contrada storica, spina dorsale del mio lavoro dal 2004; le terre sono sabbiose con sfumature che vanno dal rosso al castano e con una sostanziale presenza di calcare in sasso in superficie. Dopo i primi 40 cm di sabbia si presenta uno strato piuttosto duro di calcare roccioso. La vigna ad alberello ha un sesto d’impianto tipico della zona di Vittoria. La contrada guarda a nord est i Monti Iblei. FL. Bottiglie prodotte 2700.

Bombolieri: ci troviamo in un promontorio molto calcareo che guarda la Serra San Bartolo. Qui le terre variano dal castano al bianco, ma lo strato di sabbia superfciale è decisamente inferiore, solo 25 cm. Appena sotto si trovano rocce calcaree solide. Una parte della contrada ha un suolo più argillo-calcareo, visivamente bianco in superficie, ed è qui, nella Vigna Strada che nasce questo vino. BB. Bottiglie prodotte 2700.

E l’uva? Il Frappato, vitigno storico di Vittoria, al quale mi sono particolarmente legata sin dall’inizio del mio percorso, delicato, sanguigno e austero. In questo caso però vorrei che fosse considerato un tramite, uno strumento a disposizione del terroir e non il fine.

I Faccini di Sicilia 2019 di Doctor Wine: 96, 97 e 98/100

Ci siamo: quello che segue è l’elenco finale con la seconda e ultima parte dei premi di Doctor Wine, che segue quella dei 95/100 pubblicata la scorsa settimana. Ecco i vini  di Sicilia che in degustazione cieca sono stati premiati da Doctor Wine.

L’anno scorso erano 7 quelli segnalati con 95 centesimi, mentre quest’anno sono 5. In attesa di vedere le ulteriori valutazioni di Doctor Wine, ecco l’elenco dei 96/100: Continue reading “I Faccini di Sicilia 2019 di Doctor Wine: 96, 97 e 98/100”

I Faccini di Sicilia 2019 di Doctor Wine: 95/100

Arriva anche quest’anno la guida dei migliori vini secondo Doctor Wine; quali i vini di Sicilia che per Daniele Cernilli meritano un Faccino?

faccini 95/100 doctorwine Guida 2019

L’anno scorso erano 7 quelli segnalati con 95 centesimi, mentre quest’anno sono 5. In attesa di vedere le ulteriori valutazioni di Doctor Wine, ecco l’elenco dei primi segnalati:

  • Contessa Entellina Milleeunanotte 2014, Donnafugata 
  • Etna Rosso Feudo di Mezzo 2016, Girolamo Russo 
  • Rosso del Soprano 2016, Palari
  • Sicilia Bianco Adénzia 2017, Baglio del Cristo di Campobello 
  • Sicilia Saia 2016, Feudo Maccari

A quest due link l’intera listaI Faccini DoctorWine 2019 con 95/100 (1) I Faccini DoctorWine 2019 da 95/100 (2)

Tutti i Vini di Sicilia premiati dalla Guida de L’Espresso

Abbiamo scritto l’altro giorno dei vini Siciliani premiati dalle cinque bottiglie; ricapitoliamo in questo articolo le altre cantine premiate, con i loro vini, secondo la Guida de L’Espresso.

DSC_1440-1300x867

La “guida” nella “guida” dei vini, quest’anno ha premiato per ogni tipologia, vini spumanti, bianchi, rossi, rosati, dolci, divisa in macro aree, stilando cinque classifiche: quella dei 100 migliori rossi, i 100 bianchi, i 100 spumanti, poi i 30 migliori vini dolci/passiti e i 30 rosati. 

Fra i migliori 30 migliori vini dolci di tutta Italia, il Passito di Pantelleria Bukkuram Sole d’agosto 2015 di Marco De Bartoli che ottiene le cinque bottiglie. Quattro bottiglie per Malvasia delle Lipari Na’jm 2014 di Cantine Colosi, Marsala Superiore Riserva Oro Héritage Vintage 2012 di Cantine Intorcia e Moscato di Noto Pioggia di Stelle 2012 di Cantine Marilina.

Tra i migliori 100 vini bianchi, l’Etna Bianco Arcuria 2016 di Cantine Graci che ottiene il massimo riconoscimento (le cinque bottiglie). Seguono l’Etna bianco A’ Puddara 2016 di Tenuta di Fessina, Etna Bianco di Mariagrazia 2016 di Tenuta Benedetta, Etna Bianco Sciare Vive 2017 di Vigneti Vecchio, Etna Bianco Superiore Pietramarina 2015 di Benanti, Menfi Lalùci 2017 di Baglio del Cristo di Campobello, Menfi Sur Sur 2017 di Donnafugata, Menfi Terebinto 2017 di Planeta.

Nella sezione dedicata ai rossi, massimo riconoscimento per Etna Rosso Vigna Barbagalli 2015 di Pietradolce, mentre con quattro bottiglie ci sono l’Etna Rosso San Lorenzo 2016 di Girolamo Russo, il Cerasuolo di Vittoria Docg delle Fontane 2012 di Cos e il Siccagno 2015 di Arianna Occhipinti.

Infine fra i trenta migliori rosati d’Italia, l’Etna Rosato di Martinella di Cantine Vivera.