Tutti gli assaggi di NOT a Palermo, il vino senza interferenze (Intravino)

Il report di Antonio Tomacelli di Intravino su NOT Palermo:

Che fine ha fatto il Nero d’Avola? Il pop nel cervello mi è scoppiato mentre l’aereo rullava sulla pista per lasciare la Sicilia: ci ho passato tre giorni e non ne ho assaggiato un sorso. Essì che i produttori siciliani alla rassegna NOT di Palermo erano la stragrande maggioranza ma, a quanto pare, il vino siciliano non è più quello di una volta.

Cominciamo dall’inizio: per tre giorni Palermo è stata il centro del vino “senza interferenze” (do not modify, do not interfere), un vino naturale sui generis che raggruppa biodinamici, naturali e semplici bio. Buona la prima (edizione) con qualcosina da ritoccare ma niente di che: gente simpatica da ogni dove, location (oddio, ho detto location?) veramente bella (i cantieri della Zisa) e servizio food di una bontà commovente. Tanti, come prevedibile, i produttori siciliani e del sud in generale con qualche bella presenza straniera e un Nicolas Joly in gran forma a far da padrino al tutto.

50110565_1112534818925886_4489717266572640256_o.jpg

Molti gli assaggi degni di nota ma ho lasciato la Sicilia con la netta impressione che del vino rosso in generale – almeno tra i produttori “naturali” – non interessi molto a nessuno e le bottiglie di Frappato e Perricone devi cercarle col lanternino. Di Nero d’Avola poi, neanche a parlarne, sembra ormai una produzione esclusiva delle cantine sociali da bag-in-box. L’unica enclave siciliana “rossa” a resistere è la zona alle falde dell’Etna. Intendiamoci, il vino rosso in Sicilia lo fanno ancora, ma con quel filo di svogliatezza tutta isolana che sconfina nella pigrizia atavica.  Perché alla fine, diciamolo, il produttore sicano con l’aggravante naturalista si diverte di più con i bianchi che fa macerare per mesi nella qualunque – legno, cemento, anfora – senza solfitazioni o interventi di sorta. E gli riesce anche bene! Continue reading “Tutti gli assaggi di NOT a Palermo, il vino senza interferenze (Intravino)”

Torna “La Terra Trema”: I vini di Sicilia dell’edizione 2018

Abbiamo il piacere di comunicare che la dodicesima edizione de LA TERRA TREMA si terrà a Milano dal 30 novembre al 2 dicembre 2018 al Leoncavallo Spazio Pubblico Autogestito.

a
LA TERRA TREMA torna a Milano per accogliere le centinaia di storie di agricoltura e viticoltura che siete chiamati a rappresentare in prima persona.
Una celebrazione annuale lunga tre giorni nel corso dei quali, come d’abitudine, alle narrazioni si alterneranno concerti, presentazioni, degustazioni guidate, laboratori.

La Sicilia sarà rappresentatà dalle seguenti cantine:
Bertolino – Marsala (TP)
Bosco Falconeria – Partinico (PA)
Cantina Malopasso – Zafferana Etnea (CT)
Cantine Barbera – Menfi (AG)
Enò-Trio – Nunzio Puglisi – Randazzo (CT)
Fenech – Isola di Salina (ME)
Mulsum – Volzone – Trecastagni (CT)
Valcerasa – Alice Bonaccorsi – Randazzo (CT)
Viteadovest – Marsala (TP) Continue reading “Torna “La Terra Trema”: I vini di Sicilia dell’edizione 2018″

Nero d’Avola Terre Siciliane Igp 2013 – Bosco Falconeria

Il nostro amico Filippo Ronco su Vinix lo racconta così:bosco-falconeria-3-nero-d'avola

…vino snello, dal frutto integro e fresco, su note di marasca e more selvatiche, intrigante, con una lievissima speziatura tutta da vitigno del Nero d’Avola più classico e originale che invita di continuo a ribersi. Vede solo acciaio.

via Nero d’Avola Terre Siciliane Igp 2013 – Bosco Falconeria.