Val di Noto Wine tour, il network territoriale di 4 aziende vitivinicole in occasione di Cantine Aperte

Le quattro aziende vitivinicole siciliane Cantina Marilina, Planeta, Feudo Ramaddini e Terre di Noto, per promuovere l’enoturismo nel sud est dell’isola, anche quest’anno, in occasione di Cantine Aperte, l’evento enoturistico più importante a livello nazionale organizzato dal Movimento Turismo del Vino, che si svolgerà domenica 28 maggio, hanno deciso di proporre il network territoriale “Val di Noto Wine tour”, un sistema integrato di esperienze territoriali legate a uno dei prodotti che più di tutti ne rappresenta la storia e la tradizione.

Val di Noto cover.jpg

Gli ospiti, attraverso un breve tour di quattro tappe, avranno la possibilità di visitare quattro espressioni del territorio della Val di Noto, attraverso i vini delle aziende che, con una proposta conforme, apriranno le porte delle loro cantine per mostrare i vigneti, i luoghi in cui si creano i vini e le tecniche di produzione e di partecipare alle degustazioni proposte da ogni azienda.

I wine bus, in partenza da Ragusa, Modica, Scicli, Pozzallo, Donnalucata, Sampieri, Ispica e da Noto, Avola e Marina di Noto, attraverso la formula del viaggio, che caratterizza Cantine Aperte, condurranno i winelovers e le loro famiglie in un percorso che consentirà loro di ammirare una zona votata alla produzione del vino e conoscerne le loro caratteristiche.

Gli autobus collegheranno le quattro cantine con partenze ogni 1,00/30 h, dalle 10,30 alle 15,30.

Val di Noto volantino.jpg

Ticket adulti € 30: autobus, ingresso e degustazioni in 4 cantine

Ticket ragazzi 6-17 anni € 15: autobus, ingresso e degustazioni in 4 cantine

Ticket € 10: Visita singola cantina

È consigliata la prenotazione entro il 25 maggio.

Per info e prenotazioni:

Cantina Marilina info@cantinamarilina.com 0931 1799907
Feudo Ramaddini info@feudoramaddini.com 0931 1847100
Planeta winetour@planeta.it 0925 1955465
Terre di Noto info@terredinoto.it 0931 1805185

I vignaioli di Sicilia nella Valigia di Bacco

Bella serata organizzata da La Valigia di Bacco per presentare i produttori delle 3 valli di Sicilia da loro rappresentati. E’ stata un’opportunità speciale per i Catanesi per vedere i volti del vino, per conoscere di persona molti vignaioli naturali di Sicilia.20170319_203415.jpg

Continua a leggere “I vignaioli di Sicilia nella Valigia di Bacco”

Ancestrale NON E’ rifermentato in bottiglia

CANTINA MARILINA

In questi ultimi giorni vi abbiamo raccontato dei nostri nuovi vini frizzanti “Fedelie” realizzati con il metodo ancestrale, è arrivato il momento di rispondere a tutte le vostre curiosità e di chiarire la differenza tra questo e gli altri metodi attualmente utilizzati.

 “Ancestrale” è il metodo fermentativo utilizzato tradizionalmente dai nostri antenati, intorno al 1500, prima dell’arrivo delle moderne tecnologie e degli attuali prodotti dolcificanti, per ottenere vini frizzanti e spumanti quando i tempi del vino erano dettati dalla natura.

Viene controllata la maturazione in più fasi e nel momento migliore avviene la raccolta manuale dell’uva. La vinificazione avviene in vasche di cemento. Durante la fermentazione del mosto, decantato naturalmente, gli zuccheri sono controllati e al raggiungimento del quantitativo necessario alla presa di spuma, i vini vengono imbottigliati e tappati con tappo a corona. A fine fermentazione e conseguente presa di spuma, i vini rimangono “sur-lie” ovvero sui propri lieviti.

View original post 127 altre parole

CANTINA MARILINA…Fedeli(e) alla causa: il domani è il nostro ieri!

Gusto Sapido

di Rosalinda Saraniti

L’aggettivo Ancestrale ha in sé un forte carattere evocativo, riporta alla mente un sapere legato a chi ci ha preceduto, qualcosa che trova radici nel lontano passato ma che possiede un valore infinito, aldilà del tempo e di ogni compromesso. In termini enologici, Ancestrale è il metodo di vinificazione per produrre vini frizzanti e spumanti utilizzato in illo tempore, quando “era la Natura a dettare i tempi del vino”, prima dell’arrivo delle moderne tecnologie, quando gli ultimi residui zuccherini, in letargo durante l’inverno, ai primi calori primaverili potevano trasformarsi in alcool dando luogo ad una rifermentazione naturale in bottiglia.

Non stupisce dunque che, la Cantina Marilina, interamente gestita dalla famiglia Paternò, vantando una storia enologica di famiglia e avendo iniziato nel 2001 un progetto fondato sull’assoluto rispetto per la terra e per i tradizionali metodi di produzione, sulla continua ricerca di tutto ciò che ha un…

View original post 950 altre parole

“La mia azienda è la mia vita”: Marilina’s Documentary film

“Ora io vedo il segreto per la creazione delle persone migliori. È crescere all’aria aperta e mangiare e dormire con la terra.”

Con queste parole di Walt Whitman inizia il docufilm realizzato dalla Bottega dei Monsù per Cantina Marilina.

Continua a leggere ““La mia azienda è la mia vita”: Marilina’s Documentary film”

Cantina Marilina di Noto, massimo riconoscimento: 4 viti su “Vitae” (EnoNews.it)

Il prossimo 29 ottobre, a Milano, presso lo spazio The Mall del grattacielo Diamond Tower il vino Marilina Doc Eloro Pachino Riserva della Cantina Marilina di Noto sarà premiato con il massimo riconoscimento delle 4 VITI nella terza edizione della Guida ai Vini d’Italia VITAE edita dall’Associazione Italiana Sommelier.

20160829_172035Questo vino, una riserva di nero d’Avola anno 2009, fa parte della linea delle Riserve. Ne vengono prodotte solo 1000 bottiglie ogni anno, singolarmente numerate e confezionate a mano. Dopo la raccolta e la fase di pressatura, le uve macerano 40 giorni sulle bucce, il vino affina 12 mesi in vasca di cemento e 36 in barriques.

Sorgente: Cantina Marilina di Noto, massimo riconoscimento: 4 viti su “Vitae” – EnoNews.it

Ais Catania e Jonica: degustazione di Nero d’Avola a ViniMilo (EnoNews.it)

All’interno della manifestazione ViniMilo, la delegata Ais Catania, Mariagrazia Barbagallo, ed il delegato Ais Catania Jonica, Orazio Di Maria, hanno organizzato un interessante viaggio alla scoperta dei territori del Nero D’Avola, con relative prove di abbinamento a pietanze e prodotti legati al territorio. Ignorato, maltrattato e sfruttato nei decenni passati, soltanto da pochi anni è riuscito a recuperare la dignità che gli appartiene. Vitigno rappresentativo della terra siciliana, coltivato ovunque sull’isola e declinato in mille modi.

Ad ogni territorio appartiene un’espressione diversa, che rende palese agli occhi di tutti la facilità con cui questo vitigno può esprimere profumi e sapori diversi tra loro.

I vini assaggiati:

  • Foglio Cinquanta 2013 – Feudo Solaria 
  • Don Vicè Cerasuolo di Vittoria 2013 – Gurrieri 
  • “Lu Patri” 2012 – Baglio del Cristo di Campobello
  • Rosso del Conte 2013 – Tasca d’Almerita
  • Pietrasacra 2009 – Cantine Fazio
  • Marilina Riserva 2009 – Cantine Marilina.

Le impressioni su questi vini ed altre note di Francesca Scoglio le trovate qui: Ais Catania e Jonica: interessante degustazione di Nero d’Avola a ViniMilo – EnoNews.it

LunediVINI Siciliani: Marilina Riserva 2009 Eloro Pachino Doc

Iniziamo una nuova rubrica enofila nella quale, di lunedì, a cadenza irregolare e come unica costante la curiosità, raccontiamo un vino di Sicilia, di cui ci siamo innamorati.

Continua a leggere “LunediVINI Siciliani: Marilina Riserva 2009 Eloro Pachino Doc”

Piccole Donne Crescono: Marilina e Federica Paternò

Questa settimana visita alle cantine Marilina, azienda familiare votata al bio (e vegano) situata su una collina in un’area anticamente conosciuta come Poggio dei Fossi, nel comune di Noto (SR). Ad aspettarci al nostro arrivo in cantina, Federica Paternò, davvero un ottimo anfitrione, che ci ha accompagnato per tutto il pomeriggio fra vigneti, cantina e sala degustazione.

20160517_161025 Continua a leggere “Piccole Donne Crescono: Marilina e Federica Paternò”