I faccini di Sicilia 2018 di DoctorWine: 95 e 96/100

Anche la guida dei migliori vini secondo Doctor Wine inizia a presentare i primi nomi premiati; come sempre ci soffermiamo sui vini di Sicilia che per Daniele Cernilli meritano una menzione speciale, 10 in totale fra 95 e 96 centesimi (3 in più dello scorso anno, quando la guida ne segnalava 7).

Presentazione-della-Guida-Essenziale-ai-Vini-d-Italia-2018_article_detail.jpg

Continue reading “I faccini di Sicilia 2018 di DoctorWine: 95 e 96/100”

I Top Hundred Siciliani 2017 di Papillon

Nuovo giro di giostra e nuovi vini premiati: è la volta dei Top Hundred 2017 di Papillon, i vini scelti da Paolo Massobrio e Marco Gatti, i due giornalisti con il papillon.

4117c30f7ae4cd649abbd67d52b02aba_f32704

La loro sfida annuale è quella di individuare 100 cantine nuove con un vino che possa salire agli onori del miglior vino d’Italia. Sono i Top Hundred di Papillon, che saliranno sul palco di Golosaria, domenica 12 novembre, per la prima volta, perché da 15 anni, non viene mai premiata la cantina degli anni precedenti. Quest’anno, ad esempio si registra l’exploit della Sicilia, davvero ricca di novità, così come il dinamico Triveneto. E noi di Vini di Sicilia non possiamo che raccontarvelo.

E’ lo specchio dell’Italia enoica a cui sono stati aggiunti, dallo scorso anno, i “Fuori di top”. Si tratta in questo caso di cantine, per lo più piccole o piccolissime e spesso nuove, con vini eccezionali scoperti a chiusura della selezione effettuata con degustazioni collettive. In questo caso i 30 vini, sono stati promossi direttamente sul campo o da Massobrio o da Gatti, quindi senza passare dalle degustazioni plenarie. A completare il quadro la scelta di 25 Cantine del cuore ossia Ever Green che rappresentano quelle realtà storiche, già premiate con il Top Hundred, ma che vivono un costante miglioramento della loro offerta. E come cantine, in questo caso (quindi la produzione complessiva dei vini) meritano una citazione a sé stante.
Come ogni anno, il riconoscimento dei Top Hundred ha anche i top dei Top, ossia l’eccellenza per ogni categoria. Anche qui un Vino di Sicilia pfra i premiati; si tratta del Top dei Top per i passiti, il Moscato di Noto “Notissimo” di Riofavara di Ispica (Rg).
Ecco la lista completa di Top Hundred di Sicilia, dei Fuori di Top (questi ultimi indicati con l’asterisco) e delle cantine Ever Green, sempre della nostra isola.

SICILIA
CASTIGLIONE DI SICILIA (CT) • FRANCESCO TORNATORE Etna Rosso “Trimarchisa” 2014
TOP DEI TOP ISPICA (RG) • RIOFAVARA Moscato di Noto “Notissimo” 2008
MALFA (ME) • CARAVAGLIO Malvasia delle Lipari Passito 2015
*MARSALA (TP) • MARCO DE BARTOLI Spumante Metodo Classico Grillo Millesimato “Terzavia”
NOTO (SR) • MARABINO Moscato di Noto “Muscatedda” 2015
PALERMO (PA) • SPADAFORA DEI PRINCIPI DI SPADAFORA Terre Siciliane Syrah “Siriki” 2014
PANTELLERIA (TP) • VINISOLA Pantelleria Moscato Liquoroso 2013
*PETROSINO (TP) • BADALUCCO DE LA IGLESIA GARCIA Grillo Verde 2016
SAN GREGORIO DI CATANIA (CT) • ETNELLA Etna Rosso “Kaos” 2012
*SANTA VENERINA (CT) • EMANUELE SCAMMACCA DEL MURGO Spumante Brut Nerello Mascalese Metodo Classico “Murgo”
SCICLI (RG) • ARMOSA Sicilia Nero d’Avola “Curma” 2010
*SIRACUSA (SR) • CANTINE GULINO Moscato di Siracusa “Don Nuzzo” 2013
TRAPANI (TP) • BARONE DI SERRAMARROCCO Terre Siciliane Pignatello Rosso “Sammarcello” 2015

EVERGREEN SICILIA: COTTANERA

Per la lista completa degli altri vini Italiani, visitate la pagina ufficiale di Golosaria:
http://www.ilgolosario.it/assaggi-e-news/cantine/i-top-hundred-2017-le-novita-che-saliranno-sul-palco-di-golosaria

Anteprima Tre Bicchieri 2018: i Vini di Sicilia

Iniziano le anteprime della Guida del Gambero Rosso e si parte dalla Sicilia, presente come mai prima: 22 Tre Bicchieri a testimonianza del periodo di grande crescita dei Vini di Sicilia. Continue reading “Anteprima Tre Bicchieri 2018: i Vini di Sicilia”

Sono 17 le Corone Siciliane della guida Vini Buoni d’Italia 2018

Le commissioni dei 21 coordinatori regionali riuniti a Villa di Toppo Florio a Buttrio hanno assegnato il massimo riconoscimento ai vini di eccellenza per l’edizione 2018 della guida del Touring Club Italiano, Vini Buoni d’Italia. Alla Sicilia sono state assegnate 17 corone, senza grandi sorprese, con i soliti nomi (e poca fantasia).

Continue reading “Sono 17 le Corone Siciliane della guida Vini Buoni d’Italia 2018”

Cibo Nostrum patrimonio dell’Italia gastronomica

È stato illustrato alla stampa il nuovo appuntamento della Grande Festa della Cucina Italiana, che si svolgerà dall’11 al 13 giugno prossimi tra Zafferana Etnea e Taormina. Tanti e prestigiosi i partners accanto agli organizzatori della Federazione Italiana Cuochi, che sono intervenuti all’incontro, a cominciare dalle Istituzioni.

Continue reading “Cibo Nostrum patrimonio dell’Italia gastronomica”

Etna Wine Scales the Heights (Wine-Searcher)

-SeearcherEtna is full of surprises, as Planeta winemaker Patricia Toth can tell you. As the winery produces wines from several different estates across Sicily, Toth understands the uniqueness of Etna.

Continue reading “Etna Wine Scales the Heights (Wine-Searcher)”

I “Vini di Veronelli 2017” Siciliani

Altro giro, altra guida, altre opinioni e valutazioni (sempre, naturalmente, suscettibili di discussione, critica, approvazione o meno).

i-vini-di-veronelli-2017_imp Continue reading “I “Vini di Veronelli 2017” Siciliani”

I migliori bianchi 2014 secondo Doctor Wine

Un vino di Sicilia in questa selezione di Daniele Cernilli, che si concentra sui bianchi del 2014: si tratta dell’Etna Bianco Contrada Calderara di Cottanera. Ecco il suo parere:

Contrada Calderara 2014 – Etna Bianco Doc – Cottanera Da uve carricante. Qui c’è anche un pizzico di legno a rendere la scena più complessa e articolata. È alla prima uscita, ma già si capisce che qui è nata una stella. Una meraviglia. Naso con note di pietra focaia, pesca bianca, agrumi, sapore teso, pieno, in dialettica continua tra calore alcolico e freschezza acida, a rendere quasi sensuale e di certo coinvolgente la bevibilità. Finale molto persistente.

Sorgente: I migliori bianchi 2014 secondo Doctor Wine

L’effetto vulcanico nei vini (The Wine Specialist)

Nella Sicilia orientale, troviamo il vulcano più famoso d’Italia, l’Etna, la montagna affettuosamente denominato “Idda” nel dialetto locale, dove la qualità della viticoltura è veramente decollata negli ultimi dieci anni. I vini portano nomi come Profumo di Vulcano, come quello firmato da Federico Graziani, ex sommelier del ristorante milanese Il Luogo di Aimo e Nadia, in un piccolo vigneto a Feudo di Mezzo, la stessa zona dove viene prodotto Eruzione 1614 della rinomata cantina Planeta, che ha deciso di investire in queste terre nel 2008. Il nome in etichetta sia per il vino bianco ottenuto da uve Carricante ed il rosso da uve Nerello Mascalese, evoca la più lunga eruzione mai registrata che è durato dieci anni. Un tour del vino ideale deve comprendere una visita alle cantine Benanti, Girolamo Russo e Cottanera, una società fondata negli anni novanta, che può ora contare su 65 ettari di terra coltivata a vite, principalmente destinata alle più antiche coltivazioni autoctone. L’Etna Rosso Riserva Zottorinoto è piccante, profondo ed esuberante come la terra da cui proviene. Quest’ultima situata ad un’altitudine di 780-820 metri sul livello del mare, sulle pendici settentrionali del vulcano, dove vitigni di Nerello Mascalese sono coltivati su campi di lava e le vigne sono ricoperte da uno strato di polvere dell’Etna.

Sorgente: L’effetto vulcanico nei vini – The Wine SpecialistThe Wine Specialist