Contrade dell’Etna, il “viaggio nel tempo” di Cronache di Gusto

Interessante articolo pubblicato qui da Federico Latteri su Cronache di Gusto, con il resoconto degli assaggi dei vini in bottiglia, del 2017 e delle annate precedenti. Così li racconta:

Un tasting importante che ha permesso di evidenziare le differenze tra le varie annate e le diverse contrade, fornendo molte informazioni su caratteristiche, qualità e potenziale evolutivo. Di seguito riportiamo l’elenco dei vini che ci sono piaciuti di più con alcune note sull’andamento climatico e le nostre impressioni. E’ stato difficile scegliere le etichette poiché si è riscontrata una qualità media molto alta. Erano davvero tantissimi i vini buoni.

20180423_103937

2017
L’andamento climatico è stato dominato in primavera e in estate dal caldo che ha determinato siccità e una contrazione delle produzione. Il versante est, più freddo e piovoso, ha risentito meno di questa situazione, così come alcune contrade alte. La degustazione ha comunque dimostrato che le piante hanno resistito a queste condizioni estreme meglio del previsto. Molti i vini ottimi. Continue reading “Contrade dell’Etna, il “viaggio nel tempo” di Cronache di Gusto”

Mareneve, l’anima lirica del supremo Federico Graziani

Violetta Candita

Ho accarezzato la capsula ancora e ancora prima di perdere i freni inibitori e stappare questo flacone custodito con devozione. Brilla di filosofia, mitologia, paradigmatico intuito e lungimirante personalità artistica. Sotto ogni angolazione, accarezzandolo ancora per non perdermi neanche un riflesso, con lo sguardo, la lente MACRO, il desiderio e la sete di sorprendermi ancora, come ogni volta al cospetto di MARENEVE.

MARENEVE-11

La cosmogonia del vulcano, le piste innevate che hanno l’unicità dello Jonio all’orizzonte, le latitudini estreme che reinventano i vitigni a bacca bianca autoctoni ed internazionali: queste le coordinate di MARENEVE. Si pronuncia come un bacio, un sussurro che resta tra le labbra e le emozioni non appena si fa luce e sorsi.

MARENEVE-06

Il 2017 è una preghiera, un’annata trascendentale e mistica, a cui affidare un desiderio:

dimmi che t’incontrerò ancora tra dieci anni”.

Perché nell’estasi della leggibilità contemporanea di MARENEVE c’è anche il…

View original post 206 altre parole

Gli Imperdibili della Guida dell’Etna

Un territorio che cresce in qualità, in modo esponenziale“.

Con queste parole Fabrizio Carrera ha presentato, in occasione di Taormina Gourmet, la Guida del’Etna 2018-2019 edita da Cronache di Gusto. Terza edizione che copre il biennio 2018/2019 e contiene i giudizi delle nuove annate delle produzioni del Vulcano. Nella Guida sono recensiti, complessivamente tra bianchi, rossi e rosati, 310 vini. 

etna-2018 Continue reading “Gli Imperdibili della Guida dell’Etna”

La Sicilia nuova, appunti per una lezione (Francesco Falcone, Winesurf)

Una lectio magistralis di Francesco Falcone, sulla nuova Sicilia del vino, introduzione di una degustazione pubblica organizzata dalla delegazione di Onav Parma,riportata qui sulle pagine di Winesurf. Ne riproduciamo il testo (di cui tutti i crediti vanno all’autore) anche di seguito:

Sono felice per la Sicilia e per tutti i vignaioli siciliani. Tutti, dal primo all’ultimo. Sono felice per questa nuova idea di Sicilia che va prendendo forma negli ultimi anni. Per questa Sicilia che si mette in discussione, che non ha timore di mostrare le sue debolezze, che coltiva il dubbio come pregio, che prova a reagire agli stereotipi, che mette sulla sua mappa enografica tante ipotesi di vino, tante quante sono le innumerevoli vocazioni di una regione enorme e complessa. Continue reading “La Sicilia nuova, appunti per una lezione (Francesco Falcone, Winesurf)”

Cibo Nostrum patrimonio dell’Italia gastronomica

È stato illustrato alla stampa il nuovo appuntamento della Grande Festa della Cucina Italiana, che si svolgerà dall’11 al 13 giugno prossimi tra Zafferana Etnea e Taormina. Tanti e prestigiosi i partners accanto agli organizzatori della Federazione Italiana Cuochi, che sono intervenuti all’incontro, a cominciare dalle Istituzioni.

Continue reading “Cibo Nostrum patrimonio dell’Italia gastronomica”

L’effetto vulcanico nei vini (The Wine Specialist)

Nella Sicilia orientale, troviamo il vulcano più famoso d’Italia, l’Etna, la montagna affettuosamente denominato “Idda” nel dialetto locale, dove la qualità della viticoltura è veramente decollata negli ultimi dieci anni. I vini portano nomi come Profumo di Vulcano, come quello firmato da Federico Graziani, ex sommelier del ristorante milanese Il Luogo di Aimo e Nadia, in un piccolo vigneto a Feudo di Mezzo, la stessa zona dove viene prodotto Eruzione 1614 della rinomata cantina Planeta, che ha deciso di investire in queste terre nel 2008. Il nome in etichetta sia per il vino bianco ottenuto da uve Carricante ed il rosso da uve Nerello Mascalese, evoca la più lunga eruzione mai registrata che è durato dieci anni. Un tour del vino ideale deve comprendere una visita alle cantine Benanti, Girolamo Russo e Cottanera, una società fondata negli anni novanta, che può ora contare su 65 ettari di terra coltivata a vite, principalmente destinata alle più antiche coltivazioni autoctone. L’Etna Rosso Riserva Zottorinoto è piccante, profondo ed esuberante come la terra da cui proviene. Quest’ultima situata ad un’altitudine di 780-820 metri sul livello del mare, sulle pendici settentrionali del vulcano, dove vitigni di Nerello Mascalese sono coltivati su campi di lava e le vigne sono ricoperte da uno strato di polvere dell’Etna.

Sorgente: L’effetto vulcanico nei vini – The Wine SpecialistThe Wine Specialist

Contrade dell’Etna 2016, i Top10 di Vini di Sicilia

Appuntamento immancabile, caotico ma decisamente imperdibile per chi vuole farsi un’idea delle anteprime del 2015 e del fermento che ruota attorno ai vini dell’Etna; parlo di Contrade dell’Etna, giunto all’edizione 2016. Continue reading “Contrade dell’Etna 2016, i Top10 di Vini di Sicilia”

Feudi San Gregorio investe sull’Etna: acquistati (per iniziare) due ettari a Verzella

Feudi San Gregorio acquista circa due ettari di vigneto sull’Etna. Ed è la consacrazione della voglia di scommettere anche in Sicilia. La notizia, ancora non ufficiale, era un po’ nell’aria.

L’azienda della famiglia Capaldo, ha investito ma con l’aiuto di Federico Graziani, sommelier di vaglia, piccolo produttore etneo anche lui con il suo rosso Profumo di Vulcano (realizzato con l’aiuto di Salvo Foti) che della Feudi San Gregorio è uno dei manager. Ed ecco la decisione di acquistare due ettari dalle parti di contrada Verzella, nel territorio di Castiglione di Sicilia. Due ettari, già vitati, per cominciare.

Sorgente: Feudi San Gregorio investe sull’Etna: acquistati (per iniziare) due ettari a Verzella