Val di Noto Wine tour, il network territoriale di 4 aziende vitivinicole in occasione di Cantine Aperte

Le quattro aziende vitivinicole siciliane Cantina Marilina, Planeta, Feudo Ramaddini e Terre di Noto, per promuovere l’enoturismo nel sud est dell’isola, anche quest’anno, in occasione di Cantine Aperte, l’evento enoturistico più importante a livello nazionale organizzato dal Movimento Turismo del Vino, che si svolgerà domenica 28 maggio, hanno deciso di proporre il network territoriale “Val di Noto Wine tour”, un sistema integrato di esperienze territoriali legate a uno dei prodotti che più di tutti ne rappresenta la storia e la tradizione.

Val di Noto cover.jpg

Gli ospiti, attraverso un breve tour di quattro tappe, avranno la possibilità di visitare quattro espressioni del territorio della Val di Noto, attraverso i vini delle aziende che, con una proposta conforme, apriranno le porte delle loro cantine per mostrare i vigneti, i luoghi in cui si creano i vini e le tecniche di produzione e di partecipare alle degustazioni proposte da ogni azienda.

I wine bus, in partenza da Ragusa, Modica, Scicli, Pozzallo, Donnalucata, Sampieri, Ispica e da Noto, Avola e Marina di Noto, attraverso la formula del viaggio, che caratterizza Cantine Aperte, condurranno i winelovers e le loro famiglie in un percorso che consentirà loro di ammirare una zona votata alla produzione del vino e conoscerne le loro caratteristiche.

Gli autobus collegheranno le quattro cantine con partenze ogni 1,00/30 h, dalle 10,30 alle 15,30.

Val di Noto volantino.jpg

Ticket adulti € 30: autobus, ingresso e degustazioni in 4 cantine

Ticket ragazzi 6-17 anni € 15: autobus, ingresso e degustazioni in 4 cantine

Ticket € 10: Visita singola cantina

È consigliata la prenotazione entro il 25 maggio.

Per info e prenotazioni:

Cantina Marilina info@cantinamarilina.com 0931 1799907
Feudo Ramaddini info@feudoramaddini.com 0931 1847100
Planeta winetour@planeta.it 0925 1955465
Terre di Noto info@terredinoto.it 0931 1805185

Il Nero d’Avola (Marzamemi Borgo)

Il Nero d’Avola è chiamato, in dialetto, Calaurisi, un nome che deriva dall’unione di “calea”, sinonimo di “rracina” vale a dire uva e “aulisi” letteralmente di Avola, borgo nobiliare di Siracusa, dove già nel 1600 veniva coltivato il questo vitigno che, nel corso dell’800 si diffuse in tutte le province siciliane e in particolar modo […]

via Il Nero d’Avola — Marzamemi Borgo

Vino della settimana: Al Hamen 2013, Passito di Noto Dop, di Feudo Ramaddini

Versato nel calice il colore è giallo dorato. L’olfatto si impregna intensamente di miele, agrumi e albicocca canditi, nocciola, mela, poca salvia e menta, interessante ed invitante. Al palato si riavvertono i sentori aromatici accompagnati da una dolcezza che si stempera con una discreta vena acida, sfuma molto lentamente con un qualcosa di mandorla fresca pelata. Anche qui, tipico per il Passito di Noto, spicca l’eleganza priva di quella grassezza che spesso si ritrova nello Zibibbo.

Sorgente: Vino della settimana: Al Hamen 2013, Passito di Noto Dop, di Feudo Ramaddini