I VinidiSicilia a cui non dovrete rinunciare: i 10 Grillo di CronachediGusto

Su Cronache di Gusto si raccontano i Vini di Sicilia, in preparazione al G7 di Taormina. Si inizia col Grillo e con le 10 etichette da loro consigliate:

Continue reading “I VinidiSicilia a cui non dovrete rinunciare: i 10 Grillo di CronachediGusto”

Tredici sfumature di Grillo. Cronache siciliane dal Vinitaly (Wine in Sicily)

Daniele Cernilli, aka Doctor Wine, dice la sua sul Grillo: preferisce definirlo tradizionale e non autoctono “il ceppo originario di quasi ogni vitigno europeo infatti” ci racconta “ha radici in Georgia”. Sottolinea come il Grillo faccia sue alcune delle caratteristiche dei rossi, pur essendo un bianco: è ricco infatti di polifenoli come il Greco o il Timorasso, dei veri e propri “neri bianchi”, ed in più ha una buona tenuta degli anni, invecchia bene.

IMG_2410

Continue reading “Tredici sfumature di Grillo. Cronache siciliane dal Vinitaly (Wine in Sicily)”

I migliori calici del 2016 di Uva e Pomodoro

Uva e Pomodoro

Cari amici lettori e con piacere che mi appresto a scrivere questo articolo, dove faccio una classifica dei migliori vini degustati nel 2016, scegliendone uno per ogni categoria. Naturalmente si tratta di una classifica del tutto personale, che si basa sui miei gusti e su quei vini che mi sono rimasti impressi per le loro peculiarità organolettiche e che dunque difficilmente dimenticherò.

RAJAH-Tenuta-Gorghi-Tondi-IGPPartendo dai bianchi, il miglior sorso è stato il Rajàh DOC 2015 della cantina Gorghi Tondi (Mazara del Vallo, Sicilia). Ottenuto da uve zibibbo 100%, che ne connotano i sentori particolarmente fruttati e dolciastri di uva passa e miele, a cui si contrappone un palato sapido, dal retrogusto ammandorlato.

memorie_27Continuiamo con i rosati, e qui abbiamo una bella sorpresa, un rosato che non ho ancora recensito, ma che mi è rimasto impresso per le sue particolarità. Finora abbiamo detto che i rosati sono vini delicati, da bere entro…

View original post 256 altre parole

Una serata con i rosati di Sicilia (EgNews)

Quello dei vini rosati siciliani è un mondo molto interessante ad oggi ancora a molti sconosciuto poiché, in passato, questi vini non raggiungevano dei risultati particolarmente apprezzabili. Si tratta, infatti, di una strada in salita, ma che, se ben percorsa, è in grado di dare tante soddisfazioni offrendo l’opportunità di scoprire le potenzialità delle nostre varietà di uve autoctone quali Nerello Mascalese, Nero d’Avola e Perricone.

Sarà forse per questo motivo che il numero degli estimatori dei vini rosati siciliani è in netto aumento come ha dimostrato il successo della serata svoltasi lo scorso 14 settembre nella splendida location del ristorante Seven di Palermo, presso l’Hotel Ambasciatori. Si è trattato di una degustazione dedicata unicamente ad alcuni tra i migliori vini rosati siciliani, finalizzata a fare scoprire ed apprezzare una tipologia di vino ancora poco conosciuta dai consumatori ma capace di offrire piacevolezza e convivialità.

Gli estimatori di questo tipo di vino hanno avuto la possibilità di degustare un’accurata selezione di ben 18 prestigiose etichette provenienti da varie zone vitivinicole della Sicilia:

  • Baglio del Cristo di Campobello, C’D’C Rosato 2015
  • Calcagno, Arcuria Rosato 2015
  • Cantine Settesoli, Mandrarossa Perricone Rosè 2015
  • Cossentino, Rosa del Sud 2015
  • Curto, Eos Eloro Doc 2015
  • Cva Canicattì, Delicio 2015
  • Di Giovanna, Gerbino Rosato di Nero d’Avola 2015
  • Fondo Antico, Aprile 2015
  • Gulfi, Rosà 2015
  • I Custodi delle vigne dell’Etna, Alnus 2015
  • Lombardo vini, Fiore di Nero 2015
  • Milazzo, Terre della Baronia 2015
  • Murgo, Murgo Brut Rosé 2011
  • Palmento Costanzo, Mofete 2015
  • Piano dei Daini, Piano dei Daini Etna Rosato 2014
  • Tasca d’Almerita, Amerita Rosé 2011
  • Tenuta di Fessina, Erse Etna Rosato Doc
  • Tornatore, Etna Rosato Doc 2015

Qui le impressioni delle degustazioni: Una serata con i rosati di Sicilia – EgNews OlioVinoPeperoncino – gastronomia, vino, cucina, champagne, viaggi e turismo

Vini rosati, che passione. I nostri migliori assaggi (Cronache di Gusto)

Gli assaggi Siciliani fatti ad Italia in Rosa da Cronache di Gusto: 

I rosati siciliani degustati provengono da due aree opposte dell’Isola. Il Sicilia Rosato 2015 Aprile di Fondo Antico viene dalla parte nord occidentale, dal territorio di Trapani ed è prodotto con Nero d’Avola. Fresco, di ottima beva, presenta sentori di ciliegia e una buona corrispondenza gusto-olfattiva. L’Osa ! 2015 di Paolo Calì, da Frappato in purezza, è fatto con uve coltivate nella parte sud orientale, nel territorio di Vittoria, in provincia di Ragusa. Offre profumi di fragola, lampone, note floreali e speziate. Al palato è fragrante e dotato di una buona progressione che lo rende molto piacevole.

Per il resto d’Italia: Vini rosati, che passione. I nostri migliori assaggi zona per zona (con tante sorprese)