3 Frappatos to Drink Right Now (The New York Times)

A new article of the Eric Asimov’s Wine School on the New York Times about Sicilian wines: today he writes about Frappato.

The grape is frappato, and the wine comes from the Vittoria region of southeast Sicily. The wines of Mount Etna may be getting all the attention, but the wines of Vittoria deserve to be recognized.

The leading wine of the region is Cerasuolo di Vittoria, a blend of frappato and nero d’Avola. We will be tasting straight-up frappatos, which are a little lighter than Cerasuolos and can be enjoyed a little sooner.

Reds like frappato have gained popularity in recent years as consumers have come to appreciate wines that rely on freshness rather than power. Twenty-five years ago it was an entirely different story, as producers in Sicily were betting on international varieties like merlot and cabernet, but tastes have evolved. Nowadays, consumers are far more interested in indigenous grapes like frappato than those grown everywhere else in the world.

The three wines I recommend are:

COS Frappato Terre Siciliane 2015

Occhipinti Il Frappato Terre Siciliane 2015

Valle dell’Acate Il Frappato Vittoria 2016

As is so often the case, you may not be able to find these wines, which are made in limited quantities. It’s a small region, so the selection is not vast, but here are some alternatives: Tami, Manenti, Planeta, Vino Lauria, Bellus, Biscaris and Lamoresca, which is technically not within the confines of Vittoria but is close enough.I realize that looking for small-production wines can be frustrating, yet they are almost always worth seeking out. The alternative — recommending mass-produced bottles — results in either a limited number of subjects endlessly repeated or wines that generally do not show a genre’s potential.

Don’t worry about the vintage. Both 2015s and ’16s will be good choices.

You can read the article here: 3 Frappatos to Drink Right Now

Azienda Agricola Occhipinti, natural wines in Sicily (Orange Wines)

A country road connecting Gela to Kamarina going through Cerasuolo di Vittoria hills and from Caltagirone it continued to Catania and Lentini. This road is the SP68. One might think that there is nothing special about this road but if you know about Sicily wine then you know about this road. It crosses Fossa di Lupo District where one of the most special wineries in this island is located: Agricola Occhipinti, where owner and winemaker Arianna Occhipinti produces her world-known wines.

Continue reading “Azienda Agricola Occhipinti, natural wines in Sicily (Orange Wines)”

Il Cerasuolo di Vittoria di Valle dell’Acate (ilGolosario)

Il vino su cui ci sentiamo di scommettere quest’anno? Il Cerasuolo di Vittoria! Sì, per il Cerasuolo di Vittoria sarà vittoria! Essendo, come è noto, la fama di un vino e di un territorio, legata alla presenza di una persona carismatica – è stato così in tutte le zone oggi celebri – , i tempi sono maturi, perché questo accada anche per questo vino e per la zona di cui è figlio.

Continue reading “Il Cerasuolo di Vittoria di Valle dell’Acate (ilGolosario)”

Sicilia-Milano: sbandata per Arianna Occhipinti (Intravino)

Dalla sua azienda agricola, sulla provinciale che da Vittoria (Ragusa) va verso nord – la Sp68 appunto – è partita alla conquista dei sogni. Ed è diventata grande, pur nella sua classe 1982, con un mix di profonda cultura del Sud ed efficace comunicazione nordica, tradizione e marketing, credendo nella filosofia naturale-biologica-biodinamica, senza mai farne una crociata che divide.

Sicilia-Milano: sbandata per Arianna Occhipinti Continue reading “Sicilia-Milano: sbandata per Arianna Occhipinti (Intravino)”

Il Frappato 2014, Arianna Occhipinti (Slowine)

Paolo Camozzi su Slowine lo racconta così: 

Eccoci di fronte al solito piccolo grande capolavoro firmato da Arianna Occhipinti, portavoce di quell’idea di vino che crea piacere, fa sorridere, stare bene, ben pensare. È profondo al punto giusto, pieno di energia e di tensione gustativa, accompagnata da ampia bevibilità.

Perfetto con il rigoroso e buonissimo vitello tonnato servito dai “ragazzi” del Consorzio. Due ingredienti ideali per un pranzo veloce ad alto contenuto di piacere.

Sorgente: Il Frappato 2014, Arianna Occhipinti – Slowine

Vino della settimana: Frappato 2015 di Tenuta Bastonaca (Cronache di Gusto)

Versato nel calice il colore è rosso rubino tendente al porpora. Naso denso di frutta fresca: fragole, more, ciliegie condite con una spolverata di pepe nero. Pulito, netto, elegante. Al palato si esalta la freschezza di un vino giovane, ma che già ha raggiunto la sua piena maturità, buona struttura, nerbo acido accompagnato da tannini morbidi, un vino che invita a bere per la sua piacevolezza e per il ridotto grado alcolico: soli 12,5°.

Sorgente: Vino della settimana: Frappato 2015 di Tenuta Bastonaca

Tu la conosci Arianna?

Non l’ho letto, premetto…non l’ho ancora letto, per essere più preciso.
Parlo di “Natural Woman” il libro di Arianna Occhipinti pubblicato da Fandango nel 2013, un must per chi ama il vino, il vino naturale e non solo quello Siciliano.

“Adoro la forza di sapersi portare dentro un passato e un futuro allo stesso tempo.” Arianna Occhipinti Continue reading “Tu la conosci Arianna?”