I Vini di Sicilia premiati da “I Vini d’Italia 2018”

Sono 21 i vini siciliani fra i 300 premiati dalla guida “I Vini d’Italia 2018” de L’Espresso. Come l’anno scorso sono stati suddivisi in categorie: vini da bere subito (solo 1 fra i vini di Sicilia), i vini da comprare (10), i vini da conservare (8) Quest’anno sono stati anche inseriti i vini da riassaggiare (2 siciliani), cioè i vini presentati in guide degli anni passati ritenuti ancora degni di menzione . Continue reading “I Vini di Sicilia premiati da “I Vini d’Italia 2018””

I Cinque Grappoli di Sicilia della guida Bibenda 2018

Sfornata una nuova guida, ancora una volta ci interessiamo di vedere che cosa riserva per i vini di Sicilia; si tratta di Bibenda, la guida della Fondazione Italiana Sommelier, che presenta i 5 Grappoli.

download (2) Continue reading “I Cinque Grappoli di Sicilia della guida Bibenda 2018”

I Faccini di Sicilia 2018 di DoctorWine: 95 e 96/100

Anche la guida dei migliori vini secondo Doctor Wine inizia a presentare i primi nomi premiati; come sempre ci soffermiamo sui vini di Sicilia che per Daniele Cernilli meritano una menzione speciale, 10 in totale fra 95 e 96 centesimi (3 in più dello scorso anno, quando la guida ne segnalava 7).

Presentazione-della-Guida-Essenziale-ai-Vini-d-Italia-2018_article_detail.jpg

Continue reading “I Faccini di Sicilia 2018 di DoctorWine: 95 e 96/100”

Anteprima Tre Bicchieri 2018: i Vini di Sicilia

Iniziano le anteprime della Guida del Gambero Rosso e si parte dalla Sicilia, presente come mai prima: 22 Tre Bicchieri a testimonianza del periodo di grande crescita dei Vini di Sicilia. Continue reading “Anteprima Tre Bicchieri 2018: i Vini di Sicilia”

Sono 17 le Corone Siciliane della guida Vini Buoni d’Italia 2018

Le commissioni dei 21 coordinatori regionali riuniti a Villa di Toppo Florio a Buttrio hanno assegnato il massimo riconoscimento ai vini di eccellenza per l’edizione 2018 della guida del Touring Club Italiano, Vini Buoni d’Italia. Alla Sicilia sono state assegnate 17 corone, senza grandi sorprese, con i soliti nomi (e poca fantasia).

Continue reading “Sono 17 le Corone Siciliane della guida Vini Buoni d’Italia 2018”

La melodia dei vini di Giuseppe Russo della Cantina Girolamo Russo (Wine Blog Roll)

Questa è la storia della Cantina Girolamo Russo, ma ancor prima quella di Giuseppe Russo, un vignaiolo capace di infondere la propria umanità nel vino ed attraverso di esso.

Continue reading “La melodia dei vini di Giuseppe Russo della Cantina Girolamo Russo (Wine Blog Roll)”

Un Etna Bianco di personalità! Nerina 2014 – Girolamo Russo

vinocondiviso

E’ da un bel po’ che non ti parlo di vini dell’Etna. Rimedio subito con un vino bianco dell’azienda Girolamo Russo. Il vino si chiama Nerina, in onore della mamma di Giuseppe che dal 2004 conduce l’azienda fondata dal padre Girolamo.

Etna Bianco "Nerina" 2014 - Girolamo Russo Etna Bianco “Nerina” 2014 – Girolamo Russo

Etna Bianco “Nerina” 2014 – Girolamo Russo

Il colore del vino è di un bel paglierino con riflessi dorati. L’olfatto parte con note affumicate, di cerino spento ed in generale è la mineralità a farla da padrona. Poi arriva il frutto con la scorza d’agrumi, la pera matura e quindi le erbe aromatiche ed i fiori gialli… Ad un naso così composito ed elegante fa da contrappunto un ingresso in bocca vigoroso, intenso e di una certa ampia morbidezza. Eppure l’acidità è ben presente e dona freschezza e verticalità allo sviluppo.

La chiusura è calda e persistente su note decisamente sapide.

87+

Plus

View original post 62 altre parole

I vini rossi di Sicilia su GQItalia.it

Lirica siciliana Ci sono dei vini capaci di esprimere tutta la poesia della campagna siciliana: questi sono il Cerasuolo, il Nero D’Avola e il Frappato di Terre di Giurfo. Ogni bottiglia è un racconto da Mille e una notte del territorio. Un racconto che coinvolge tutti i sensi. Ci seduce, ci sorprende, suscita la nostra curiosità. Difficile estrarre le rime migliori dai vini della cantina ragusana, perché ogni bottiglia mira davvero in alto. Tra queste segnaliamo il Cerasuolo Maskaria (di cui abbiamo potuto apprezzare l’annata 2013) da accompagnare anche ai piatti natalizi più impegnativi e il Frappato in purezza Belsito, ottimo per un aperitivo in rosso.

Il bello dell’Etna Il ganzo del vulcano più invecchia più piace. Il cru di Nerello Mascalese di Tenuta di Fessina, Musmeci,  è un vino di grande pregio. L’ideale per apprezzarlo è impossessarsi di bottiglie di diverse annate e improvvisare a casa propria una verticale. Una degustazione dal più giovane al più maturo. La sua maturazione avviene in grandi botti di rovere. Da più parti è stato definito il “Barolo dell’Etna”. E certamente è tra i vini più autorevoli della regione, che nasce in Sicilia, ma è “allevato” da un grande enologo valdostano, Federico Curtaz.

L’importanza di chiamarsi Girolamo I vigneti della cantina di Girolamo Russo sono tra i più vecchi della regione dell’Etna Doc, alcuni sono addirittura centenari e sono coltivati su terreni appartenenti a diverse colate laviche, ognuna con differenti  caratteristiche geologiche. Giuseppe Russo ha quindi fatto tesoro delle terre del padre Girolamo e innovato profondamente il modo di produrre il vino fino a ottenere Nerello Mascalese e Nerello Cappuccio di altissima qualità. Coltura biologica, quindi, e valorizzazione della vocazione di ogni singola vigna.  Da qui il suo tris di Etna Rosso doc imperdibili: Feudo; San Lorenzo e Feudo di Mezzo.

Sorgente: I vini rossi di Sicilia su GQItalia.it