For an Italian Wine Region That Does It All, Turn to Sicily (VinePair)

Welcome to Sicily, home of orange trees, olive groves, and more vineyards than you could possibly imagine. While we might think of Sicily as being small, it’s actually the largest island in the entire Mediterranean Sea, giving way to a serious array of grape-growing opportunities. With various terrains, topographical diversity, and that little old volcano on the eastern end of the island, there’s really no doubt about it; when it comes to wine, Sicily can do it all.

Continue reading “For an Italian Wine Region That Does It All, Turn to Sicily (VinePair)”

Inzolia 2015 Candido

Uva e Pomodoro

Inzolia 2015
(Candido, Sicilia)

Il vino ha dunque una vita più lunga della nostra?
Ma noi, fragili creature umane,
ci vendicheremo ingoiandolo tutto.
Nel vino è la vita.
(Petronio Arbitro)

La famiglia Candido trae la sua passione per la coltivazione della vite dall’originale cultura rurale del territorio di Camporeale. Difatti vive tutto l’anno nella casa accanto alla cantina, per potersi dedicare appieno alla cultura dei vigneti e per godere ogni giorno del paesaggio mozzafiato di questo luogo.

La cantina è dotata di attrezzature tecnologicamente avanzate, tali da permettere una spremitura soffice, con vinificazione ed affinamento a temperature controllate. Il processo di produzione si basa su una produzione di qualità superiore. Ed è per questo che producono in regime biologico.

inzoliaInzolia in purezza.

Dal colore giallo paglierino. Odore floreale e fruttato di mela verde. Palato minerale, un po’ mosso. In fase di vinificazione subisce una crio-macerazione in roto per 12 ore…

View original post 35 altre parole

Ebe, l’Insolia di Biogaia (Appunti di Gola)

È pallido, paglierino scarico vergato di riflessi plumbei. Ha un piccolo naso floreale, in cui s’insinuano furori balsamici, tocchi di frutto e ricordi di pescheria. E di matita ben temperata. Ha un sorso nervosissimo, verde: più sottile all’ingresso, sagace al mezzo, elettrico al termine.

Sorgente: Ebe, l’Insolia di Biogaia – Appunti di Gola

I vitigni autoctoni della Sicilia Occidentale, Trapani, Erice e Marsala (Gambero Rosso)

Il Gambero Rosso dedica un articolo ai vitigni autoctoni della Sicilia Occidentale: Grillo, Catarratto, Inzolia, Grecanico, Zibibbo ed il “nostro amato” Perricone:

Proprio del Perricone Alessio Turazza scrive:

Dedichiamo gli ultimi assaggi della giornata al perricone o pignatello. Un vitigno autoctono a bacca rossa tradizionalmente coltivato nei territori delle province di Trapani e Palermo. In passato era utilizzato soprattutto per produrre il Marsala Ruby, ma verso la metà del ‘900, con la decadenza del Marsala, il perricone è stato via via espiantato e sostituito con vitigni internazionali commercialmente più redditizi. Solo grazie alla tenacia di pochi vignerons è stato riscoperto e vinificato in purezza con eccellenti risultati, tanto da farne uno dei rossi più interessanti della Sicilia occidentale.

Qui il resto dell’articolo: Gambero Rosso – Vinitaly 2016. Sicilia: i vitigni autoctoni della Sicilia Occidentale, Trapani, Erice e Marsala

Scrivere le mail ai clienti (Cantine Barbera)

Marilena Barbera presenta ai “nuovi clienti” i suoi vini, e ancora una volta lo fa con fantasia e stile:

“L’Inzolia è per tutti i giorni, un calice semplice, un benvenuto sorridente fra amici che vogliono chiacchierare delle prossime vacanze e sognare il caldo all’inizio della primavera, quando fa ancora freddo ma manca poco, pochissimo. Dietro le Case (che è sempre inzolia, ma delle vigne vecchie) è il vino giusto per una serata romantica, è un fiore, una carezza, una promessa. E il Grillo, Coste al Vento, per chi ama i sapori più forti, magari con quelle animelle che non c’erano in carta la sera che sono andata a mangiare lì, ma che tornerò ad assaggiare presto. Tra i rossi, il Nero d’Avola per un tagliere di quei prosciutti e salumi così belli che penzolano impettiti nella sala di gastronomia, di cui sento ancora il profumo, e il Perricone (Microcosmo) per uomini veri che abbiano bisogno di un po’ di tannino e di tenerezza insieme. Ciàtu, invece, è femmina nell’anima, anche se finisce con la u, che in siciliano di solito indica i maschi. E’ femmina profumata e forte, avvolgente e orgogliosa, una tanguera, in pratica. E poi…”Scrivere le mail ai clienti – Cantine Barbera | Azienda Agricola Biologica in Menfi, Sicilia

La regina del Mediterraneo; l’Inzolia raccontata da Marilena Barbera 

 

Ancora una volta Marilena Barbera si dimostra una strordinaria comunicatrice e ci racconta l’Inzolia in maniera interessante e molto esaustiva:

A Menfi l’Inzolia fa così tanto parte integrante dell’ambiente naturale che ne sono stati scoperti alcuni esemplari proprio sulla spiaggia del mare. Per un approfondimento, leggi qui. Nelle Inzolia di mare, ai sentori agrumati, floreali e di frutta matura si accompagnano evidenti note saline e balsamiche, arricchite da un retrogusto di mandorla e nocciola.

Sorgente: La regina del Mediterraneo – Cantine Barbera | Azienda Agricola Biologica in Menfi, Sicilia

Straordinaria Inzolia – Cantine Barbera | Azienda Agricola Biologica in Menfi, Sicilia

L’inzolia è una delle varietà autoctone più antiche della Sicilia: coltivata da secoli, si esprime in maniera straordinaria lungo le coste dell’isola, bagnate dal Mediterraneo.

Vitigni sulla spiaggia? Leggere per credere:

via Straordinaria Inzolia – Cantine Barbera | Azienda Agricola Biologica in Menfi, Sicilia.