How Nero d’Avola is shaping the future of Sicilian wine (imbibe.com)

For anyone whose main experience of islands is the Isle of Wight, Sicily comes as a bit of a shock. Admittedly, both have plenty of sea, beach and pensioners driving round on holiday. But, whereas you can cycle most of the way round the splodge in the Channel in a day (at least, you can if you’re fitter than I am), Sicily is big. And lumpy. Even if he doped himself up like Lance Armstrong, Chris Froome couldn’t get round this little beauty in 24 hours.

At 25,000 sq m, Sicily is bigger than Wales and its geography is, frankly, nuts. On the meeting point of two tectonic plates, it’s a mountainous island with no shortage of 1500m-high peaks in the central range and along the north coast.

At its eastern edge, gazing over the rest of the island like a bad tempered grandmother, is the looming, belching, grumbling presence of Mount Etna. The beach at Shanklin struggles to compete. Which – in a seamless segue – is also what Sicily was struggling to do until recently. Continue reading “How Nero d’Avola is shaping the future of Sicilian wine (imbibe.com)”

Sicily – A Wine Region That’s An Island Apart (Forbes)

Sicily has many positive images (as well as a few not-so-positive), but when it comes to Sicilian wines, the subject is a bit of a puzzle to many. There are several reasons for this, but lately, producers in select areas such as Vittoria, Noto and Etna are crafting some pretty special products that are receiving a lot of attention and changing the mindset of consumers and the wine trade about the wines of Sicily.

Perhaps the most positive notion of Sicily is that everyone knows the name, and anyone can find it on a map of Italy; this last point is certainly not true with some of the country’s regions such as Abruzzo, Marche or Emilia-Romagna. So familiarity helps gets Sicilian producers get a foot in the door in the market, but unfortunately the identity of this region’s wines has for too long been one of sub-par quality.

This is based on the notion that Sicily is not a place to produce wines of elegance and finesse; the hot climate leads to lower acidity, meaning the wines lack structure and freshness. Add to that the fact that for decades, most table wine that emerged from the region was little more than bulk wine; flavorful, yet heavy, these wines were often shipped in tankers to other parts of Italy to “beef up” lighter red wines.

In fact, the history of quality for Sicilian wines in previous years was primarily focused on Marsala, one of the world’s most highly praised fortified wines, made in several styles, from very dry to medium-sweet. Yet even given the renown for the finest examples of Marsala, the strongest image with this wine for many consumers is for cooking, as with Veal Marsala or Chicken Marsala, hardly the stuff of greatness.

Antonio Rallo, proprietor of Donnafuagata Winery, one of Sicily’s most famous producers (PHOTO COURTESY OF DONNAFUGATA)

About 40 years ago, a few producers decided to do something about the image of Sicilian wines, so production of bulk wine was decreased – although it is still a large part of the region’s wine industry – and planting of international varieties such as Chardonnay, Cabernet Sauvignon, Merlot and Syrah were undertaken. Add to this a new focus on indigenous varieties such as Grillo and Carricante for white and Nero d’Avola and Frappato for red, and all of a sudden, the Sicilian wine pallete was aglow with a multitiude of colors and flavors.

Talk to enough Sicilian producers and you’ll learn they believe that Sicily is a magical place to make wine, as it is such a distinctive land. “The climate, the countryside, the customs, the terroir and its varieties are very different from other regions,” says Alessio Planeta, co-proprietor of his family’s winery, one of the region’s greatest ambassadors.

Alessio Planeta, co-proprietor of Planeta Winery, one of the best known of all Sicilian wine estates (PHOTO COURTESY PLANETA WINERY)

The weather, though it may be hot, does assure that almost anything can grow on the island. “Sicily is regarded a place that can grow almost any grape presenting an extraordinary patrimony of biodiversity with over 70 indigenous grape varieties,” comments Antonio Rallo of Donnafugata, another renowned Sicilian wine estate. “This is why people describe Sicily as a wine continent.

Given its viticultural history skewed toward workman-like wine, it is no surprise that there has not been an iconic Sicilian wine, such as Brunello di Montalcino from Tuscany, Barolo and Barbaresco from Piemonte or Amarone from the Veneto. While this may have meant a lack of media attention toward Sicilian wines, the renaissance that started 40 years ago and continues today, has resulted in exciting new ventures and paths of the region’s viticulture. “Sicily is in a constant acquisition of auto renewal,” says Planeta. There is an improvement in knowledge and awareness of our terroirs, as well as among ourselves.”

Today, the wines of the Etna District in northeastern Sicily, are the ones that garner the greatest attention. “Etna is the hot ticket for driving Sicily’s quality image, both in Italy and abroad, with its cooler climate, volcanic contenders red Nerello Mascalese and white Carricante having attracted much global attention among sommeliers and independent merchants,” Rallo remarks. Planeta agrees, commenting, “Etna has the magic at the moment and is a positive thing for all of the island.”

The wines of Etna are something of a minor miracle given the rocky soils of volcanic ash and pumice that were formed by lava flow from the nearby volcano. It’s a difficult venture for a grape grower, notes Giuseppe Tornatore of the eponymous Etna estate. “It takes a lot of patience and dedication because what elsewhere is done in one year, it is done in two years in Etna. It takes a lot of sacrifice, suffering always the magnetism of the volcano and everything that depends on it.

Examples of Etna Bianco are made primarily with the local Carricante grape and have various characteristics, with some offering melon and pear fruit, while others display distinct minerality, even resembling the wines of Chablis in Burgundy. Overall, the best of these whites have shown tremendous improvement in a very short period of time.

It is the reds however that are most famous, made from the indigenous Nerello Mascalese variety. These wines have been called “Italy’s Burgundies,” and no wonder given the appealing cherry and sometimes strawberry aromas and its sleek finish. Some producers have opted as of late for a more powerful style of Etna Rosso that is more tannic (almost like a Nebbiolo-based wine from Piedmont), but this dual identity only adds to the allure of the red wines of Etna.

Planeta Winery near Noto, one of several wine facilities of the company (PHOTO COURTESY OF PLANETA WINERY)

Arguably the best-known red from Sicily over the past twenty years has been Nero d’Avola, an indigenous variety. Its popularity is due to its appealing black cherry and plum fruit backed by relatively smooth tannins. Sicilian producers love it, as it also works well when blended with other red varieties such as Merlot and Syrah.

The Duca di Salaparuta winery bottled the first monovarietal Nero d’Avola they named “Duca Enrico” back in 1984; today this is still regarded as one of the best examples of this variety. Other classic examples include the “Mille e Una Notte” from Donnafugata (about 90% Nero d’Avola) and the “Santa Cecilia” from Planeta, labeled as Noto DOC. This last wine, initially made in the 1997 vintage, has become a classic example of Nero d’Avola structured for aging, as 12 and 15-year old bottles are still drinking well.

Another red that has become successful over the past few years is Cerasuolo di Vittoria, a blend of Nero d’Avola and Frappato. Cerasuolo means “cherry like”; this fruit emerges in the aromas, along with red and orange rose perfumes, and there are soft, silky tannins, thanks to the Frappato. Here is a red that tastes great when chilled for 15-20 minutes, and given the lightness of the tannins, it is ideal with duck breast, chicken in red wine or even tuna. Top examples include the Feudi del Pisciotto “Giambattista Valli”, the “Floramundi” from Donnafugata, and the alluring, ultra delicious “Dorilli” from Planeta.

Briefly on whites, Grillo is an indigenous variety that for years was used in the production of Marsala. But on its own, it has appealing exotic fruit aromas and pairs well with a variety of foods, from poultry to lighter seafood; look for the examples from Valle dell’Acate and the “Sur Sur” from Donnafugata.

There are countless other whites that I can recommend, from the 100% Fiano from Planeta known as “Cometa,” a sumptuous, dry white that is among Italy’s best, as well as “Lighea” a dry Zibibbo (Moscato) from Donnafugata, and the Tasca d’Almerita “Contea di Sclafani” Chardonnay. There are countless treasures – white, red and sweet – throughout Sicily – and the best producers there are diligent in their efforts to take the region’s wines to the next step, as Planeta remarks. “We are past the period of experimentation and are now in a period of increasing our knowledge of our terroirs. We are uniting the results of past years with a studious attention of tradition.

The rest of this interesting article and the notes on current releases are here.

Giornate internazionali del Nero d’Avola

Prima edizione per celebrare il Nero d’Avola, eccellenza enologica siciliana.
Dall’11 al 14 maggio prossimi si svolgeranno le Giornate internazionali del Nero d’Avola, un’iniziativa ideata ed organizzata da Carmelo Sgandurra, Master Sommelier ed autore della NDA – Guida del Nero d’Avola. Obiettivo della cinque giorni quella di rilanciare, affermare, apprezzare le produzioni del rinomato vitigno autoctono siciliano alla luce del notevole successo che la Guida NDA ha riscosso nel mondo. A fare da cornice ai tanti eventi in programma sarà la splendida Valle dei Templi di Agrigento. Una location suggestiva, ossia lo Spazio Temenos “ex chiesa di San Pietro” nel cuore della città, sarà sede del seminario in programma l’11 maggio dal titolo “L’evoluzione produttiva del Nero d’Avola, principe dei vitigni siciliani, dalle sue origini ad oggi. Prospettive future”. Il seminario, moderato dal direttore di Vinoway, Davide Gangi, prenderà il via alle ore 15.00:  sarà un susseguirsi di importanti interventi alla presenza di buyer, produttori e giornalisti per dibattere sul presente ed il futuro di questo vitigno. Se ne parlerà in particolare alla presenza dei famosi enologi Riccardo Cotarella, Salvo Foti, Tonino Guzzo e Vittorio Festa. Continue reading “Giornate internazionali del Nero d’Avola”

Fondo Antico, Aprile 2017

Nunc est bibendum

(285 parole)

Chi abbia letto La terra desolata ricorderà (forse anche senza volerlo) l’incipit sulfureo sulla fertilità e l’enigmatica rinascita della natura:

Fondo Antico - Aprile (vino rosato da Nero d'Avola)APRIL is the cruellest month, breeding
Lilacs out of the dead land, mixing
Memory and desire, stirring
Dull roots with spring rain.

APRILE  è il mese più crudele, genera
Lillà da terra morta, confondendo
Memoria e desiderio, risvegliando
Le radici sopite con la pioggia della primavera.
(trad. Roberto Sanesi)

Aprile è il nome del secondo rosato della cantina trapanese Fondo Antico, sempre a base Nero d’Avola. Rispetto a Memorie, non potrebbe esserci vino più diverso (e più lontano dai versi di T.S. Eliot): tanto è profondo ed intenso quello, vicino a un canto ancestrale, a un affondo in una dimensione epico-drammatica, quanto questo è lieve, fresco, avvolgente o, più ancora, travolgente.

A metà tra il tenue e il corallo, a seconda delle inclinazioni…

View original post 148 altre parole

In valigia. Mastro di Baglio.

Gli amici de La Valigia di Bacco presentano una nuova realtà Marsalese, Mastro di Baglio.

LAVALIGIADIBACCO

MASTRO DI BAGLIO è il progetto di un gruppo di giovani viticoltori marsalesi, accomunati da solidi sentimenti di amore per la natura e per il proprio territorio e dal desiderio di valorizzare e tramandare il patrimonio culturale pervenutoci da secoli di storia.
Un luogo storico, dove si racconta la storia, la vita agricola, gli odori e i sapori di un tempo, attraverso la produzione di vini naturali di alta qualità prodotti nella propria cantina domestica, senza l’uso di additivi chimici e secondo i tempi (lenti) della natura, utilizzando soltanto le uve dei propri vigneti indigeni, coltivati secondo l’antica tradizione locale, senza fare ricorso ad alcuna irrigazione e pertanto con una bassa resa per ettaro ma con la massima esaltazione delle proprietà organolettiche.

Il vino autentico al 100%.

mastrodibaglio grillo

Nero d_Avolamastrodibaglio

View original post

I Signori del Nero d’Avola (e non solo): Gulfi

Coltiva biologico, non irriga, vendemmia a mano. La filosofia dell’Azienda Gulfi ha un orientamento chiaro, e il nome del suo enologo per noi è una garanzia a prescindere.

20180206_144608

Vito Catania, tristemente scomparso a maggio dello scorso anno, infatti nel 1996 iniziò a collaborare con Salvo Foti. Da allora Gulfi ha adottato alcuni dei principi cardini di Foti: vitigni ad alberello, nessuno uso di concimi chimici, diserbanti, insetticidi e pesticidi, coltivazione di vitigni autoctoni siciliani. Primo fra tutti il Nero d’Avola, vitigno che dà vini naturalmente caldi (alcolici) e spiccatamente profumati, utilizzato in passato per migliorare vini deboli e aspri di altri Paesi (in particolare Borgogna e Gironda).  Il Nero d’Avola è il vitigno privilegiato di Gulfi, che infatti produce infatti 6 grandi etichette di Nero d’Avola in purezza, quattro delle quali sono cru pluripremiati prodotti nelle vigne di Pachino (NerobufaleffjNeromaccarjNerobaronjNerosanloré) a cui si devono aggiungere il Nerojbleo e Rossojbleo, anch’essi Nero d’Avola in purezza prodotti nelle vigne di Chiaramonte Gulfi (RG). Continue reading “I Signori del Nero d’Avola (e non solo): Gulfi”

“Nero d’Avola tutto da scoprire” (Renato De Bartoli su Cronache di Gusto)

Renato De Bartoli, Ad della cantina Baglio di Pianetto della famiglia Marzotto traccia un bilancio dell’anno appena trascorso e si proietta in avanti, nel futuro, analizzando scenari e opportunità di una delle cantine più conosciute del panorama vitivinicolo siciliano. “Il 2017 è stato l’anno dei 20 anni – dice – una ricorrenza importante che per noi ha assunto anche un carattere sentimentale, per i legami che l’esistenza di questa azienda ha alimentato nel tempo. Oggi siamo certamente più maturi, l’azienda è cresciuta e si stanno aprendo nuove prospettive anche in chiave nazionale e soprattutto per l’export. E’ ancora troppo presto per dare qualche cenno in più, ma ci sarà un maggiore dinamismo ed un approccio sistemico e utile alla crescita“.

renato_de_bartoli_3

Baglio di Pianetto ha fatto della commercializzazione di vini da vitigni autoctoni e vini di carattere più internazionale un punto della sua forza: “Perché – dice De Bartoli – vanno bevuti ed apprezzati per il loro vissuto reale. Credo che a volte si smarrisca ogni ragionevolezza, nella comunicazione del vino, in una rincorsa a chi la spara più grossa. Io non voglio seguire questa corrente“. Continue reading ““Nero d’Avola tutto da scoprire” (Renato De Bartoli su Cronache di Gusto)”

Lungo il solco della tradizione: Vitivinicola Lombardo

È da oltre due generazioni che l’Azienda Vitivinicola Lombardo cammina lungo il solco tracciato dalle più antiche tradizioni contadine locali, coltivando e vinificando le proprie uve con lo scopo principale di esaltare la grande vocazione enologica del territorio.

azienda-vitivinicola-lombardo-01

L’azienda si trova in contrada Cusatino, a Caltanissetta: su una superficie complessiva di circa sessanta ettari, ben quaranta sono vitati, con varietà di Nero d’Avola, Inzolia e Syrah. I terreni si trovano a un’altitudine di circa 550 mt s.l.m. in un territorio molto vocato per la viticoltura, con terreni argillosi calcarei di medio impasto e un clima caldo mediterraneo caratterizzato da sbalzi termici giorno/notte che precedono la vendemmia e che consentono di ottenere una migliore maturazione fenolica.

Continue reading “Lungo il solco della tradizione: Vitivinicola Lombardo”

“Vi dico perché puntare tutto sui vini siciliani” – Francesca Curto su Cronache di Gusto

Su Cronache di Gusto compare oggi questa interessante intervista a tutto tondo a Francesca Curto, dove racconta il suo Nero d’Avola e la Sicilia che gli è cresciuta attorno.

Al timone, con la determinazione e la passione di sempre, Francesca Curto che porta in giro per il mondo i suoi vini, sempre più apprezzati anche Oltreoceano. Il Nero d’Avola, però, rimane il “cavallo di battaglia”, l’uva dalla quale non si può prescindere. “Perché è sempre una certezza ed una conferma del panorama enologico siciliano – dice Francesca – Anche se ti fa capire che c’è tanto da provare perché ogni Nero d’Avola siciliano è diverso dall’altro, sia per i terreni così diversi uno dall’altro in cui viene coltivato, sia per come viene trasformato in vino. Sono tutti da assaggiare e raccontano la nostra meravigliosa terra“. Continue reading ““Vi dico perché puntare tutto sui vini siciliani” – Francesca Curto su Cronache di Gusto”

Gli articoli più letti del 2017 su Vini di Sicilia

Sono 181 gli articoli pubblicati su Vini di Sicilia quest’anno: abbiamo scritto tanto di Etna, di vignaioli, di vignaiole, di vini umani, di contrade, di speranze e di progetti.

20170403_110142

Abbiamo raccontato e raccolto quello che la rete aveva da dire sui vini di Sicilia, e la rete ha risposto in questo modo, apprezzando in particolare questi 10 articoli:

  1. Contrade dell’Etna 2017. Le 10 contrade scelte da VinidiSicilia
  2. Gina Russo di Cantine Russo all’interno del CdA della Strada del vino e dei sapori dell’Etna
  3. La Top10 degli Etna Rosso 2017. Nuova analisi dei dati di Wine Searcher
  4. I VinidiSicilia a cui non rinunciare: i 12 Nero d’Avola di CronachediGusto
  5. I vini umani di Salvo Foti, il vero Uomo Etneo
  6. I Vini di Sicilia premiati da “I Vini d’Italia 2018”
  7. I vignaioli di Sicilia nella Valigia di Bacco
  8. I 20 vini di Sicilia più cercati nel 2016 su Wine Searcher
  9. Sono 17 le Corone Siciliane della guida Vini Buoni d’Italia 2018
  10. Piccole Donne Crescono: Marilina e Federica Paternò

Continue reading “Gli articoli più letti del 2017 su Vini di Sicilia”