I Faccini di Sicilia 2019 di Doctor Wine: 96, 97 e 98/100

Ci siamo: quello che segue è l’elenco finale con la seconda e ultima parte dei premi di Doctor Wine, che segue quella dei 95/100 pubblicata la scorsa settimana. Ecco i vini  di Sicilia che in degustazione cieca sono stati premiati da Doctor Wine.

L’anno scorso erano 7 quelli segnalati con 95 centesimi, mentre quest’anno sono 5. In attesa di vedere le ulteriori valutazioni di Doctor Wine, ecco l’elenco dei 96/100: Continue reading “I Faccini di Sicilia 2019 di Doctor Wine: 96, 97 e 98/100”

How Nero d’Avola is shaping the future of Sicilian wine (imbibe.com)

For anyone whose main experience of islands is the Isle of Wight, Sicily comes as a bit of a shock. Admittedly, both have plenty of sea, beach and pensioners driving round on holiday. But, whereas you can cycle most of the way round the splodge in the Channel in a day (at least, you can if you’re fitter than I am), Sicily is big. And lumpy. Even if he doped himself up like Lance Armstrong, Chris Froome couldn’t get round this little beauty in 24 hours.

At 25,000 sq m, Sicily is bigger than Wales and its geography is, frankly, nuts. On the meeting point of two tectonic plates, it’s a mountainous island with no shortage of 1500m-high peaks in the central range and along the north coast.

At its eastern edge, gazing over the rest of the island like a bad tempered grandmother, is the looming, belching, grumbling presence of Mount Etna. The beach at Shanklin struggles to compete. Which – in a seamless segue – is also what Sicily was struggling to do until recently. Continue reading “How Nero d’Avola is shaping the future of Sicilian wine (imbibe.com)”

Tutti i Vini di Sicilia premiati dalla Guida de L’Espresso

Abbiamo scritto l’altro giorno dei vini Siciliani premiati dalle cinque bottiglie; ricapitoliamo in questo articolo le altre cantine premiate, con i loro vini, secondo la Guida de L’Espresso.

DSC_1440-1300x867

La “guida” nella “guida” dei vini, quest’anno ha premiato per ogni tipologia, vini spumanti, bianchi, rossi, rosati, dolci, divisa in macro aree, stilando cinque classifiche: quella dei 100 migliori rossi, i 100 bianchi, i 100 spumanti, poi i 30 migliori vini dolci/passiti e i 30 rosati. 

Fra i migliori 30 migliori vini dolci di tutta Italia, il Passito di Pantelleria Bukkuram Sole d’agosto 2015 di Marco De Bartoli che ottiene le cinque bottiglie. Quattro bottiglie per Malvasia delle Lipari Na’jm 2014 di Cantine Colosi, Marsala Superiore Riserva Oro Héritage Vintage 2012 di Cantine Intorcia e Moscato di Noto Pioggia di Stelle 2012 di Cantine Marilina.

Tra i migliori 100 vini bianchi, l’Etna Bianco Arcuria 2016 di Cantine Graci che ottiene il massimo riconoscimento (le cinque bottiglie). Seguono l’Etna bianco A’ Puddara 2016 di Tenuta di Fessina, Etna Bianco di Mariagrazia 2016 di Tenuta Benedetta, Etna Bianco Sciare Vive 2017 di Vigneti Vecchio, Etna Bianco Superiore Pietramarina 2015 di Benanti, Menfi Lalùci 2017 di Baglio del Cristo di Campobello, Menfi Sur Sur 2017 di Donnafugata, Menfi Terebinto 2017 di Planeta.

Nella sezione dedicata ai rossi, massimo riconoscimento per Etna Rosso Vigna Barbagalli 2015 di Pietradolce, mentre con quattro bottiglie ci sono l’Etna Rosso San Lorenzo 2016 di Girolamo Russo, il Cerasuolo di Vittoria Docg delle Fontane 2012 di Cos e il Siccagno 2015 di Arianna Occhipinti.

Infine fra i trenta migliori rosati d’Italia, l’Etna Rosato di Martinella di Cantine Vivera.

Sicily – A Wine Region That’s An Island Apart (Forbes)

Sicily has many positive images (as well as a few not-so-positive), but when it comes to Sicilian wines, the subject is a bit of a puzzle to many. There are several reasons for this, but lately, producers in select areas such as Vittoria, Noto and Etna are crafting some pretty special products that are receiving a lot of attention and changing the mindset of consumers and the wine trade about the wines of Sicily.

Perhaps the most positive notion of Sicily is that everyone knows the name, and anyone can find it on a map of Italy; this last point is certainly not true with some of the country’s regions such as Abruzzo, Marche or Emilia-Romagna. So familiarity helps gets Sicilian producers get a foot in the door in the market, but unfortunately the identity of this region’s wines has for too long been one of sub-par quality.

This is based on the notion that Sicily is not a place to produce wines of elegance and finesse; the hot climate leads to lower acidity, meaning the wines lack structure and freshness. Add to that the fact that for decades, most table wine that emerged from the region was little more than bulk wine; flavorful, yet heavy, these wines were often shipped in tankers to other parts of Italy to “beef up” lighter red wines.

In fact, the history of quality for Sicilian wines in previous years was primarily focused on Marsala, one of the world’s most highly praised fortified wines, made in several styles, from very dry to medium-sweet. Yet even given the renown for the finest examples of Marsala, the strongest image with this wine for many consumers is for cooking, as with Veal Marsala or Chicken Marsala, hardly the stuff of greatness.

Antonio Rallo, proprietor of Donnafuagata Winery, one of Sicily’s most famous producers (PHOTO COURTESY OF DONNAFUGATA)

About 40 years ago, a few producers decided to do something about the image of Sicilian wines, so production of bulk wine was decreased – although it is still a large part of the region’s wine industry – and planting of international varieties such as Chardonnay, Cabernet Sauvignon, Merlot and Syrah were undertaken. Add to this a new focus on indigenous varieties such as Grillo and Carricante for white and Nero d’Avola and Frappato for red, and all of a sudden, the Sicilian wine pallete was aglow with a multitiude of colors and flavors.

Talk to enough Sicilian producers and you’ll learn they believe that Sicily is a magical place to make wine, as it is such a distinctive land. “The climate, the countryside, the customs, the terroir and its varieties are very different from other regions,” says Alessio Planeta, co-proprietor of his family’s winery, one of the region’s greatest ambassadors.

Alessio Planeta, co-proprietor of Planeta Winery, one of the best known of all Sicilian wine estates (PHOTO COURTESY PLANETA WINERY)

The weather, though it may be hot, does assure that almost anything can grow on the island. “Sicily is regarded a place that can grow almost any grape presenting an extraordinary patrimony of biodiversity with over 70 indigenous grape varieties,” comments Antonio Rallo of Donnafugata, another renowned Sicilian wine estate. “This is why people describe Sicily as a wine continent.

Given its viticultural history skewed toward workman-like wine, it is no surprise that there has not been an iconic Sicilian wine, such as Brunello di Montalcino from Tuscany, Barolo and Barbaresco from Piemonte or Amarone from the Veneto. While this may have meant a lack of media attention toward Sicilian wines, the renaissance that started 40 years ago and continues today, has resulted in exciting new ventures and paths of the region’s viticulture. “Sicily is in a constant acquisition of auto renewal,” says Planeta. There is an improvement in knowledge and awareness of our terroirs, as well as among ourselves.”

Today, the wines of the Etna District in northeastern Sicily, are the ones that garner the greatest attention. “Etna is the hot ticket for driving Sicily’s quality image, both in Italy and abroad, with its cooler climate, volcanic contenders red Nerello Mascalese and white Carricante having attracted much global attention among sommeliers and independent merchants,” Rallo remarks. Planeta agrees, commenting, “Etna has the magic at the moment and is a positive thing for all of the island.”

The wines of Etna are something of a minor miracle given the rocky soils of volcanic ash and pumice that were formed by lava flow from the nearby volcano. It’s a difficult venture for a grape grower, notes Giuseppe Tornatore of the eponymous Etna estate. “It takes a lot of patience and dedication because what elsewhere is done in one year, it is done in two years in Etna. It takes a lot of sacrifice, suffering always the magnetism of the volcano and everything that depends on it.

Examples of Etna Bianco are made primarily with the local Carricante grape and have various characteristics, with some offering melon and pear fruit, while others display distinct minerality, even resembling the wines of Chablis in Burgundy. Overall, the best of these whites have shown tremendous improvement in a very short period of time.

It is the reds however that are most famous, made from the indigenous Nerello Mascalese variety. These wines have been called “Italy’s Burgundies,” and no wonder given the appealing cherry and sometimes strawberry aromas and its sleek finish. Some producers have opted as of late for a more powerful style of Etna Rosso that is more tannic (almost like a Nebbiolo-based wine from Piedmont), but this dual identity only adds to the allure of the red wines of Etna.

Planeta Winery near Noto, one of several wine facilities of the company (PHOTO COURTESY OF PLANETA WINERY)

Arguably the best-known red from Sicily over the past twenty years has been Nero d’Avola, an indigenous variety. Its popularity is due to its appealing black cherry and plum fruit backed by relatively smooth tannins. Sicilian producers love it, as it also works well when blended with other red varieties such as Merlot and Syrah.

The Duca di Salaparuta winery bottled the first monovarietal Nero d’Avola they named “Duca Enrico” back in 1984; today this is still regarded as one of the best examples of this variety. Other classic examples include the “Mille e Una Notte” from Donnafugata (about 90% Nero d’Avola) and the “Santa Cecilia” from Planeta, labeled as Noto DOC. This last wine, initially made in the 1997 vintage, has become a classic example of Nero d’Avola structured for aging, as 12 and 15-year old bottles are still drinking well.

Another red that has become successful over the past few years is Cerasuolo di Vittoria, a blend of Nero d’Avola and Frappato. Cerasuolo means “cherry like”; this fruit emerges in the aromas, along with red and orange rose perfumes, and there are soft, silky tannins, thanks to the Frappato. Here is a red that tastes great when chilled for 15-20 minutes, and given the lightness of the tannins, it is ideal with duck breast, chicken in red wine or even tuna. Top examples include the Feudi del Pisciotto “Giambattista Valli”, the “Floramundi” from Donnafugata, and the alluring, ultra delicious “Dorilli” from Planeta.

Briefly on whites, Grillo is an indigenous variety that for years was used in the production of Marsala. But on its own, it has appealing exotic fruit aromas and pairs well with a variety of foods, from poultry to lighter seafood; look for the examples from Valle dell’Acate and the “Sur Sur” from Donnafugata.

There are countless other whites that I can recommend, from the 100% Fiano from Planeta known as “Cometa,” a sumptuous, dry white that is among Italy’s best, as well as “Lighea” a dry Zibibbo (Moscato) from Donnafugata, and the Tasca d’Almerita “Contea di Sclafani” Chardonnay. There are countless treasures – white, red and sweet – throughout Sicily – and the best producers there are diligent in their efforts to take the region’s wines to the next step, as Planeta remarks. “We are past the period of experimentation and are now in a period of increasing our knowledge of our terroirs. We are uniting the results of past years with a studious attention of tradition.

The rest of this interesting article and the notes on current releases are here.

Tre Bicchieri 2019: i Vini di Sicilia

Pubblicata in questi giorni sul sito del Gambero Rosso l’antemprima dei 3 Bicchieri premiati nella guida del 2019: ancora in crescita il numero dei vini di Sicilia presenti. Infatti, dopo i 20 del 2016, i 21 del 2017 e i 22 del 2018, quest’anno i vini dell’isola presenti sono arrivati ad essere 25.

9159577bce7cda126f02938faf6ea1e6_L.jpg

Fra i nuovi nomi che compariranno quest’anno nella Guida del Gambero Rosso, si notano quelli di Cantine Mothia, Tenuta di Fessina, Alta Mora, Palmento Costanzo, Graci, Giroloamo Russo e Tenute Bosco. Notevole la presenza dei vini dell’Etna, a testimonianza della crescita continua della Muntagna nel mondo dell’enologia: sono 3 i bianchi e addirittura 8 i rossi (il doppio dello scorso anno) premiati. Continue reading “Tre Bicchieri 2019: i Vini di Sicilia”

In arrivo ViniMilo 2018: il programma della 38° edizione

Settimana prossima appuntamento per tutti gli amanti dei vini dell’Etna a Milo (CT) dal 24 agosto al 9 settembre 208 per ViniMilo. Questo il ricchissimo programma:

Venerdì 24 agosto
Ore 17:30 Azienda Barone di Villagrande
Presentazione alla stampa della ViniMilo 2018.

Domenica 26 Agosto
Ore 9:30 Piazza Belvedere

10° Motoraduno ViniMilo
Rally Touring a Cura del Moto Club le Volpi dell’Etna.

Martedì 28 agosto
Ore 16:30 Centro Servizi

Tavola rotonda: Etna – Barolo, vini e territori Unesco a confronto
Interverranno:
Alfio Cosentino – Sindaco di Milo

Renata Bianco – Sindaco di Barolo
Federico Scarzello – Presidente dell’Enoteca Regionale Barolo
Salvatore Gabriele Ragusa – Commissario Parco dell’Etna
Rosa Spampinato – Agronomo Dirigente Parco dell’Etna
Saranno presenti tutti i sindaci dei comuni del Parco dell’Etna
Modera Turi Caggegi – Giornalista

Ore 21:00 Piazza Municipio
Gran Galà della ViniMilo – 5^ edizione

Cena a cura dell’Osteria 4 Archi di Milo con degustazione dei vini dei territori Unesco Etna e Barolo.
Prenotazione obbligatoria. Per info e costi:
http://www.4archi.it
+39 095 955566 – +39 368 7237933

Mercoledì 29 agosto
Ore 20:30 Agriturismo “Le Case del Merlo”

Bollicine dell’Etna, Cena degustazione con gli spumanti dell’Etna
Aziende: Cantine Russo, Destro Vini, Terrazze dell’Etna, Planeta, Cantine di Nessuno, Santa Maria La Nave, Murgo e Benanti.
Prenotazione obbligatoria.
Costo € 40,00.
Prevendita on line € 35,00 entro il 22/8/2018.
Posti limitati.
Acquista online su: shop.vinimilo.it

Giovedì 30 agosto
Ore 19:30 Azienda Barone di Villagrande

Straordinario è la festa del cibo da strada “fuori dal comune”
Lo street food siculo reinterpretato da 20 giovani chef provenienti da tutta Italia.
A cura di Fud Bottega Sicula e Barone di Villagrande.
Prenotazione obbligatoria.
Per info e prenotazioni: partecipa@eventostraordinario.it, +39 095 708 2175, +39 338 829 7480

Venerdì 31 agosto
Ore 18:00 Centro Servizi

Modifica del disciplinare DOP Monte Etna e ampliamento del Territorio
Olio di Qualità e Identità dei luoghi
Relaziona Giosuè Catania – Presidente soc. coop. APO Catania
a seguire “Degustiam-Oli ad occhi chiusi”
Degustazione guidata degli oli dell’Etna rivolta anche a disabili visivi
a cura della soc. coop. APO e del capo panel dott. Ercole Aloe
in collaborazione con Slow-Food e la Onlus vEyes (Virtual Eyes).
Prenotazione consigliata.
Per info e prenotazioni: apoufficiotecnico@virgilio.it, +39 333 799 4526

Sabato 1 settembre
Ore 18:30 Piazza Belvedere

Inaugurazione della festa
Apertura degli stand dalle ore 18:30 alle 24:00
Isola del gusto
Spazio gastronomico a cura delle Aziende di Milo e Mostra Mercato dei Presidi Regionali di Slow-Food.

Ore 18:30 Piazza Municipio
Enoteca
Stand Esposizione “Strada del Vino dell’Etna” e “Consorzio di Tutela dei Vini Etna DOC” per la degustazione e l’acquisto di vini dei produttori presenti alla manifestazione.

Ore 18:30 Piazzale antistante Chiesa Madre e via A. De Gasperi
I Mestieri di una volta
Esposizione animata di artigiani locali

Ore 18:30 Piazzale antistante Chiesa Madre
Mercatino Bio e Km zero

Ore 18:30 Piazza Madonna delle Grazie
Dolci e Cucina della Tradizione

Ore 19:00 Scalinata Largo dei Mille
Enoteca Letteraria

I libri, la musica, il vino e i produttori
Ore 20:00 Museo Virtuale
Dolce di… Vino: il vino incontra il dolce

Laboratorio del Gusto a cura di Slow Food: il vino incontra il dolce.
Prenotazione obbligatoria
Per info e prenotazioni: +39 347 5857201

Ore 20:30 Centro Servizi
“I Vini Pre-Fillossera: Mito o Realtà?”
Degustazione di vini dell’Etna, del Sulcis e della zona Irpina.
A cura della Fisar con i vini
Theresa Eccher: ER Etna rosso doc 2013, Altero Etna rosso doc 2013 Pre-Fillossera
Cantine di Calasetta: Carignano del Sulcis doc 2016 Màccori, Carignano del Sulcis doc 2016 Piedefranco
Feudi di San Gregorio: Aglianico 2012, Serpico 2012
Prenotazione obbligatoria
Per info e prenotazioni: +39 347 6145209

Ore 21:00 Piazza Madonna delle Grazie
Musica dal vivo

Domenica 2 settembre
Ore 9:00 Piazza Belvedere

Etna Est 2018
Escursione al Bosco della Cubania a cura del CAI di Catania.

Ore 10:30 Piazza Belvedere
Apertura degli stand dalle ore 10:30 alle 24:00
Isola del gusto
Spazio gastronomico a cura delle Aziende di Milo
e Mostra Mercato dei Presidi Regionali di Slow-Food.

Ore 10:30 Piazza Municipio
Enoteca
Stand Esposizione “Strada del Vino dell’Etna” e “Consorzio di Tutela dei Vini Etna DOC” per la degustazione e l’acquisto di vini dei produttori presenti alla manifestazione.

Ore 10:30 Piazzale antistante Chiesa Madre e via A. De Gasperi
I Mestieri di una volta
Esposizione animata di artigiani locali

Ore 10:30 Piazzale antistante Chiesa Madre
Mercatino Bio e Km zero

Ore 18:30 Piazza Madonna delle Grazie
Dolci e cucina della Tradizione

Ore 19:00 Scalinata Largo dei Mille
Enoteca Letteraria
I libri, la musica, il vino e i produttori

Ore 20:00 Centro Servizi
Workshop di cultura enogastronomica
Degustazione guidata a cura dei maestri assaggiatori ONAV Catania con abbinamenti vino-formaggi a cura degli enogastronomi del Club di Papillon CT.
ll “Terroir Etna”: Colori, profumi e sapori del Nerello Mascalese protagonista nella nuova guida online ONAV-Prosit: Spumanti, Rosati, Rossi, Rossi Riserva, Rossi da anfore di terracotta, vendemmie tardive, passiti abbinati con formaggi degli alpeggi etnei
Per prenotazioni ed informazioni:
+39 392 572 6959
+39 347 911 1375

Ore 21:00 Piazza Madonna delle Grazie
Musica dal vivo

Lunedì 3 settembre
Ore 16:30 Centro Servizi

Progettiamo il futuro di Milo
“Vino e Comunità Intelligenti: dal vigneto ai modelli di business”
Tavola Rotonda a Cura del Comune di Milo e dello Studio Giurdanella
Interventi:
Saluti: Alfio Cosentino – Sindaco di Milo

Luca Patanè – Assessore Sviluppo Economico Comune di Milo
Luca Toninato – Agronomo e dottore di ricerca, esperto in trasferimento tecnologico in viticoltura, Presidente della cooperativa AGER e Co-fondatore di Enogis
Steno Fontanari – Esperto in tecnologie applicate all’agricoltura, Consigliere della Federazione Trentina della Cooperazione e del Consorzio Lavoro Ambiente
Prof. Attilio Scienza – Esperto internazionale di viticoltura, Professore di “Viticoltura” presso l’Università degli Studi di Milano
Simona Zelli – Esperta in modelli di business collaborativi e strumenti per l’innovazione, Lavora presso CeSDA e per il Consorzio Lavoro Ambiente
Santo Di Maio – Piccolo produttore vitivinicolo di Milo
Marco Nicolosi – Enologo e produttore vitivinicolo di Milo
Salvo Foti – Enologo e produttore vitivinicolo di Milo
Italo Maffei – Distributore di vini
On.le Michela Giuffrida – Eurodeputato

Martedì 4 settembre
Ore 17:00 Centro Servizi

Degustazione “I Vini dell’Etna e Siciliani”
Banchi d’assaggio degli stappati dei Vini dell’Etna e Siciliani a cura della rivista Winesurf.
Prenotazione obbligatoria.
Costo € 7,00.
Prevendita on line € 5,00 entro il 28/8/2018.
Posti limitati.
Acquista online su: shop.vinimilo.it

Giovedì 6 settembre
Ore 19:00 Centro Servizi

Degustazione “L’Etna fra i territori dei grandi Bianchi”
A cura dell’Azienda Agricola Benanti.
Degustazione di vini bianchi provenienti dall’Etna e da altri territori del mondo.

I vini in degustazione sono:
Contrada Villagrande Etna Bianco Superiore 2015 – Barone di Villagrande;
Pietra Marina Etna Bianco Superiore 2012 – Benanti;
VignadiMilo Etna Bianco Superiore Caselle 2015 – I Vigneri di Salvo Foti;
A’ Puddara Etna Bianco 2016 – Tenuta di Fessina;
Archineri Etna Bianco 2017 – Pietradolce;
Nuna Etna Bianco 2016 – Tenute di Nuna;
Ante Etna Bianco 2016 – I Custodi delle Vigne dell’Etna; Gamma Etna Bianco 2015 – Federico Curtaz;
N’Ettaro Etna Bianco 2017 – Tenuta Masseria Setteporte;
Millemetri Etna Bianco 2014 – Feudo Cavaliere;
Collio Friulano Bianco 2015 – Borgo del Tiglio;
Le Oche Classico Verdicchio dei Castelli di Jesi 2016 – Fattoria San Lorenzo;
Saumur Blanc “Les Pentes du Clos de l’Écotard” 2015 – Michel Chevré;
Macon-Verzé 2016 – Domaine Leflaive;
Riesling Marienburg Fahrlay Terrassen GG 2015 – Clemens Busch.
Prenotazione obbligatoria.
Costo € 45,00.
Prevendita on line € 40,00 entro il 31/8/2018.
Posti limitati.
Acquista online su: shop.vinimilo.it

Venerdì 7 settembre
Ore 16:00 Centro Servizi

Degustazione Etna 10 anni fa
Vini Etnei con almeno 10 anni di vendemmia.
Su idea di Salvo Foti.
Curata da Federico Latteri.
Degustazione guidata di Vini prodotti dalla vendemmia 2008 con vitigni autoctoni Etnei.
Saranno presenti le aziende: Barone di Villagrande, Benanti, Cantine Russo, Ciro Biondi, Fattorie Romeo del Castello, FeudoCavaliere, Gulfi, I Custodi delle Vigne dell’Etna, Masseria Setteporte, Passopisciaro, Tenuta di Fessina.
Prenotazione obbligatoria.
Costo € 35,00.
Prevendita on line € 30,00 entro l’1/9/2018.
Posti limitati.
Acquista online su: shop.vinimilo.it

Ore 21:00 Azienda Barone di Villagrande
Degustazione “Il Vulcano in Bianco”
Volcanic Wines & Street food.
100 vini bianchi vulcanici italiani in libera degustazione, 10 consorzi e 6 regioni in abbinamento con i cibi di strada dei territori vulcanici.
Saranno in degustazione i vini dei consorzi: Soave, Durello, Etna, Vesuvio, Campi Flegrei, Pitigliano (Sassotondo), Colli euganei, Tuscia, Frascati, Orvieto,Gambellara, Pantelleria.
In collaborazione con l’Associazione Volcanic Wines.
Prenotazione obbligatoria.
Costo € 35,00.
Prevendita on line € 35,00.
Posti limitati.
Acquista online su: shop.vinimilo.it

Sabato 8 settembre
Ore 18:30 Piazza Belvedere

Apertura degli stand dalle ore 18:30 alle 24:00
Isola del gusto
Spazio gastronomico a cura delle Aziende di Milo e Mostra Mercato dei Presidi Regionali di Slow-Food.

Ore 18:30 Piazza Municipio
Enoteca
Stand Esposizione “Strada del Vino dell’Etna” e “Consorzio di Tutela dei Vini Etna DOC” per la degustazione e l’acquisto di vini dei produttori presenti alla manifestazione.

Ore 18:30 Piazzale antistante Chiesa Madre e via A. De Gasperi
I Mestieri di una volta
Esposizione animata di artigiani locali

Ore 18:30 Piazzale antistante Chiesa Madre
Mercatino Bio e Km zero

Ore 18:30 Piazza Madonna delle Grazie
Dolci e Cucina della Tradizione

Ore 19:00 Scalinata Largo dei Mille
Enoteca Letteraria
I libri, la musica, il vino e i produttori

Ore 20:30 Centro servizi
Degustazione 10 anni di Volcanic Wine

Serata a Cura di Ais Catania.
Saranno degustati i vini della vendemmia 2008 delle seguenti zone vulcaniche: Soave, Durello, Etna (2 aziende), Vesuvio, Campi Flegrei, Pitigliano (Sassotondo), Colli Euganei, Tuscia, Frascati, Orvieto, Gambellara, Pantelleria.
Prenotazione obbligatoria.
Per info, costi e prenotazioni: +39 393 0284932, aisjonicoetnea@gmail.com

Ore 21:00 Piazza Madonna delle Grazie
Musica dal vivo

Domenica 9 settembre
Ore 9:00 Piazza Belvedere

Etna Est 2018
“Sentiero delle Ginestre: dalle Bocche del 1928 a Monte Crisimo” a cura del CAI di Catania.

Ore 9:30 Centro Servizi
Doc Etna, la vita comincia a 50 anni
Etna Doc 1968-2018: da un grande passato alle sfide del futuro.

Ore 10:30 Piazza Belvedere
Apertura degli stand dalle ore 10:30 alle 24:00
Isola del gusto
Spazio gastronomico a cura delle Aziende di Milo e Mostra Mercato dei Presidi Regionali di Slow-Food.

Ore 10:30 Piazza Municipio
Enoteca
Stand Esposizione “Strada del Vino dell’Etna” e “Consorzio di Tutela dei Vini Etna DOC” per la degustazione e l’acquisto di vini dei produttori presenti alla manifestazione.

Ore 10:30 Piazzale antistante Chiesa Madre e via A. De Gasperi
I Mestieri di una volta
Esposizione animata di artigiani locali

Ore 10:30 Piazzale antistante Chiesa Madre
Mercatino Bio e Km zero

Ore 18:30 Piazza Madonna delle Grazie
Dolci e Cucina della Tradizione

Ore 19:00 Scalinata Largo dei Mille
Enoteca Letteraria
I libri, la musica, il vino e i produttori

Ore 20:00 Centro Servizi
“Vini e Vitigni di Emiliano Falsini”
Viaggio in Sicilia Racconti d’Autore. Serata a Cura della F.I.S.
Prenotazione obbligatoria
Info e costi: infosiciliaorientale@fondazionesommeliersicilia.it, +39 328 0018002

Ore 20:00 Museo virtuale
“Finché c’è vino c’è speranza”
Giovani produttori raccontano la loro visione del vino nel III millennio. Laboratorio del Gusto a cura di Slow-Food.
Prenotazione obbligatoria.
Per info e prenotazioni: +39 347 5857201

Ore 21:00 Piazza Madonna delle Grazie
Musica dal vivo

Per Info:
+39 095 955 423
+39 331 567 8364
www.vinimilo.it
comitatovinimilo@hotmail.com
infopoint@comune.milo.ct.it

ViniBuoni d’Italia 2019: le 19 Corone e le 16 Golden Star di Sicilia

E’ oramai diventato il primo appuntamento dell’anno con le Guide enologiche Italiane: Vini Buoni d’Italia 2019 del Touring Club Italiano anche quest’anno anticipa tutti, e come sempre noi siamo pronti a raccontarvi i vini di Sicilia meritevoli di un premio. Lo abbiamo fatto qui nel 2017 e qui nel 2018

Vinibuoni d'Italia

Una prima considerazione sul numero delle Corone ricevute: quest’anno sono 19, due in più dello scorso (se il buon giorno si vede dal mattino…), con diverse variazioni. Infatti solo Benanti, Fazio, Florio, Hauner, Marco De Bartoli, Palari, Pietradolce, Planeta, Tasca d’Almerita e Tenuta di Fessina si confermano e ricevono la Corona come lo scorso anno, e, fra questi, alcuni per un vino diverso. Fra i vitigni premiati, 3 Corone a Etna Rosso e Nero d’Avola, 2 a Faro fra i rossi, mentre fra i bianchi il più apprezzato è l’Etna Bianco con 2 Corone.

Molto interessante anche l’attribuzione di 16 Golden Star alla Sicilia: fra le altre siamo felici di notare quelle (per noi molto meritate) attribuite ad Arianna Occhipinti, Enò-Trio e Marilena Barbera, a riconoscimento della qualità di questi vignaioli. In questa categoria il vino più premiato è il Nero d’Avola con 5 Star, mentre 4 sono le Star per gli Etna Doc Rosso; fra i bianchi 2 Star ciascuno per Catarratto e Grillo.

Queste le 19 Corone di Sicilia 2019: Continue reading “ViniBuoni d’Italia 2019: le 19 Corone e le 16 Golden Star di Sicilia”

“Drink Pink in Sicily”: buona la prima!

DrinkPink in Sicily: i rosati dal vulcano ai tre Valli è stata una festa ben riuscita.

Superate notevolmente le attese degli organizzatori che non si aspettavano una presenza tanto numerosa di partecipanti: oltre 300 infatti lunedì scorso hanno preso parte al primo evento dedicato al vino più di tendenza del periodo.

36731904_1041971569300224_4418119221150482432_n Continue reading ““Drink Pink in Sicily”: buona la prima!”

“Drink Pink in Sicily”, il 16 luglio a Catania

Oltre 40 cantine siciliane, 7 chef donna, diversi produttori siciliani, tutti insieme per un unico protagonista: il vino rosato siciliano.

Lunedì 16 luglio al SAL – Spazio avanzamento lavori di Catania si terrà DrinkPink in Sicily: i rosati dal vulcano ai tre Valli. Evento unico, organizzato dall’imprenditrice winelover Gea Calì, dedicato al vino più di tendenza del periodo.

Rosa è il colore del vino, donne saranno le chef protagoniste:

Bianca Celano di QQucina a Catania, Bonetta Dell’Oglio chef e scrittrice di Palermo, Rita Russotto del ristorante Satra di Scicli, Rosaria Maio della Trattoria Mirò di Valverde, Oriana Foti dell’Accademia del Monsù di Catania, Valentina Rasà di Cucina Manipura e una special guest: l’enfant prodige della ristorazione capitolina: Sarah Cicolini del ristorante Santopalato di Roma!

Per l’occasione prepareranno delle ricette in abbinamento ai rosati delle cantine Al-Cantàra, Avide, Baglio del Cristo di Campobello di Licata, Barone di Villagrande, Barone Sergio, Barraco, Benanti, Bonavita, Calcagno, Cantina di Nessuno, Cantina Marilina, Cantine Russo, Conte Uvaggio, Cottanera, Curto, Daino, Destro, Falcone, Feudi del Pisciotto, Feudo Cavaliere, Feudo Maccari, Firriato, Fischetti, Guccione, Gulfi, I Custodi delle Vigne dell’Etna, Judeka, La Contea, La Gelsomina, Le Case Matte, Maggio Vini, Mandrarossa, Milazzo, Murgo, Palmento Costanzo, Paolo Calì, Planeta, Primaterra, Tenuta La Chiusa, Tenuta Masseria Setteporte, Tenute Bosco, Tenute Lombardo, Terra di Costantino, Terrazze dell’Etna, Theresa Eccher, ValCerasa di Alice Bonaccorsi, Valenti, Vagliasindi, Vivera, che hanno aderito all’iniziativa con entusiasmo.

Non mancheranno pane e dolci realizzati dalle fornaie Rosa Burgio del panificio Burgio di Serradifalco (Cl), Valeria Messina del panificio Biancuccia di Catania e dalla pasticcera Giovanna Musumeci di Randazzo.

Per l’occasione l’artigiano del vetro Alessandro Di Rosa dell’azienda Thalass di Modica realizzerà i piatti per le ricette delle chef.

Sarà una vera e propria festa, durante la quale si potrà partecipare alla tavola rotonda sull’evoluzione del rosato con un’ospite d’eccezione: una grande signora del vino, direttrice della didattica nazionale di Fondazione Italiana Sommelier e apprezzato personaggio televisivo: Daniela Scrobogna.

E come se non bastasse il corollario musicale del programma radiofonico SoulSalad, media partner dell’evento.

Il costo del ticket è di € 35.00 acquistabile al botteghino dietro prenotazione o online su eventbrite.it

Soci Fondazione Italiana Sommelier, Fisar, Ais, Onav, Slowfood €30.00 acquistabile solo al botteghino, dietro prenotazione, presentando la tessera di associazione.

Per info e prenotazioni: 333.5866229

Spumanti Sicilia e Trento Doc: le degustazioni di Sicilia in Bolle 2018

Si preannuncia un grande successo per la quarta edizione di Sicilia in Bolle: a dieci giorni dall’apertura dell’evento le Masterclass di approfondimento “Spumanti Sicilia” e “Spumanti TRENTODOC, Bollicine di Montagna”, in programma domenica 1 luglio, sono già sold out. Il pubblico ha accolto con grande entusiasmo le due degustazioni tematiche, prenotando in pochi giorni dal lancio del sito tutti i posti disponibili.

EventoSito

Ed è ufficialmente uscita la lista dei vini in degustazione e i nomi degli ospiti che interverranno a ciascun appuntamento. Sarà presente anche il neoeletto presidente dell’Associazione Italiana Sommelier, Antonello Maietta: le recenti elezioni in casa AIS hanno infatti sancito la sua vittoria, con ben 4512 voti a livello nazionale, e la sua riconferma alla presidenza di AIS Italia per il quadriennio 2018-2022.

Di seguito il programma dettagliato delle due Masterclass di degustazione: Continue reading “Spumanti Sicilia e Trento Doc: le degustazioni di Sicilia in Bolle 2018”