I Vini Top (e le Cantine) della guida “Vini di Sicilia” 2019

Presentata al circolo Telimar di Palermo la guida «19 Vini di Sicilia», edita dal Giornale di Sicilia Editoriale Poligrafica S.p.A e da S.E.S. Società Editrice Sud s.p.a., in collaborazione con Slow Food Editore, in vendita con il Giornale di Sicilia e la Gazzetta del Sud. Oltre 100 produttori del territorio si raccontano con i loro vini tra le pagine di questo vademecum di facile consultazione.

guida ai vini siciliani, Sicilia, Società

Ecco i VINI TOP Continue reading “I Vini Top (e le Cantine) della guida “Vini di Sicilia” 2019″

La Sicilia nuova, appunti per una lezione (Francesco Falcone, Winesurf)

Una lectio magistralis di Francesco Falcone, sulla nuova Sicilia del vino, introduzione di una degustazione pubblica organizzata dalla delegazione di Onav Parma,riportata qui sulle pagine di Winesurf. Ne riproduciamo il testo (di cui tutti i crediti vanno all’autore) anche di seguito:

Sono felice per la Sicilia e per tutti i vignaioli siciliani. Tutti, dal primo all’ultimo. Sono felice per questa nuova idea di Sicilia che va prendendo forma negli ultimi anni. Per questa Sicilia che si mette in discussione, che non ha timore di mostrare le sue debolezze, che coltiva il dubbio come pregio, che prova a reagire agli stereotipi, che mette sulla sua mappa enografica tante ipotesi di vino, tante quante sono le innumerevoli vocazioni di una regione enorme e complessa. Continue reading “La Sicilia nuova, appunti per una lezione (Francesco Falcone, Winesurf)”

Spumanti Sicilia e Trento Doc: le degustazioni di Sicilia in Bolle 2018

Si preannuncia un grande successo per la quarta edizione di Sicilia in Bolle: a dieci giorni dall’apertura dell’evento le Masterclass di approfondimento “Spumanti Sicilia” e “Spumanti TRENTODOC, Bollicine di Montagna”, in programma domenica 1 luglio, sono già sold out. Il pubblico ha accolto con grande entusiasmo le due degustazioni tematiche, prenotando in pochi giorni dal lancio del sito tutti i posti disponibili.

EventoSito

Ed è ufficialmente uscita la lista dei vini in degustazione e i nomi degli ospiti che interverranno a ciascun appuntamento. Sarà presente anche il neoeletto presidente dell’Associazione Italiana Sommelier, Antonello Maietta: le recenti elezioni in casa AIS hanno infatti sancito la sua vittoria, con ben 4512 voti a livello nazionale, e la sua riconferma alla presidenza di AIS Italia per il quadriennio 2018-2022.

Di seguito il programma dettagliato delle due Masterclass di degustazione: Continue reading “Spumanti Sicilia e Trento Doc: le degustazioni di Sicilia in Bolle 2018”

Torna Sicilia in Bolle, alla Scala dei Turchi

Sicilia in Bolle, il Festival delle bollicine siciliane, torna in una nuova veste ricca di incontri per gli addetti ai lavori e di degustazioni per tutti gli appassionati.

LogoSibAis-1.png

L’evento è organizzato dalla delegazione AIS di Agrigento, coordinata dal Delegato e Sommelier Professionista Francesco Baldacchino, in collaborazione con AIS Sicilia e avrà luogo l’1 e il 2 luglio in un palcoscenico mozzafiato, il Madison Trattenimenti, la prestigiosa sala ricevimenti che si affaccia sulla scogliera di marna bianca più bella d’Italia, la Scala dei Turchi di Realmonte, in provincia di Agrigento. Continue reading “Torna Sicilia in Bolle, alla Scala dei Turchi”

I Vini di Sicilia a Etna Fusion

Continuiamo a parlare di un evento la cui organizzazione ha catalizzato la nostra attenzione, come quella di chiunque ama i vini naturali in Sicilia; Etna Fusion 2018, già presentato qui.

Oggi è stato finalmente pubblicato sulla pagina Facebook di Vignaioli Naturali a Roma anche l’elenco (e che elenco!) delle cantine Siciliane che saranno presenti alla prima edizione di questo speciale appuntamento.. Eccolo qui:  Continue reading “I Vini di Sicilia a Etna Fusion”

Il Perricone racconta la Sicilia occidentale

Nunc est bibendum

(550 parole)

Ci sono vini che spesso raccontano il territorio e ne sono bandiera. Per quanto riguarda la Sicilia, Catarratto, Nero d’Avola, Nerello Mascalese, Carricante, Zibibbo e Grillo chiudono il cerchio di buona parte delle bottiglie esportate oltre lo stretto e i confini nazionali. Eppure, non sono gli unici “lettori” del territorio. A questi nobili vitigni, va aggiunto perlomeno un nome che solo negli ultimi anni è diventato oggetto di una scommessa – il monovitigno – in quella triangolo che, per dare un’idea, è “chiuso” dalla Palermo-Agrigento, definendo così la Sicilia occidentale rispetto al resto dell’isola: il Perricone.

Maria Antonietta Pioppo, presidente della Fondazione Italiana Sommelier – Sicilia Occidentale, ha individuato cinque cantine che hanno scommesso in modo particolare su quest’uva e a un pubblico di esperti e appassionati ha offerto in degustazione un confronto imperdibile tra i produttori per inquadrare un territorio – sia pure vasto…

View original post 436 altre parole

Top6 delle cantine della Sicilia Occidentale secondo Valerio Capriotti (Gambero Rosso)

Toccate, chiedendomi della Sicilia, terra a me molto cara per più motivi, un dente dolente in quanto terra dalle immense potenzialità, da ipotetici numeri che farebbero invidia al mondo intero, eppure… queste lande vengono all’80% inghiottite da cooperative e industrie che purtroppo tagliano nettamente le produzioni ‘eticamente’ corrette”. Così esordisce Valerio Capriotti, intervistato dal Antonella De Santis per il Gambero Rossoquando gli viene chiesta la sua personale top 6 delle aziende vitivinicole della Sicilia Occidentale. Capriotti è uno dei più celebri e stimati uomini di sala in Italia e in attesa di prendere le redini in qualità di direttore dello Spazio di Niko Romito a Roma (di prossima apertura) ha lavorato la scorsa estate per lunghi mesi a Marina di Ragusa, in quel ristorante VotaVota che poi la Guida del Gambero ha deciso di premiare nell’attuale edizione e prima ancora è stato alla guida della cantina di Ciccio Sultano al Duomo di Ragusa. Da lì, pur immerso nella Sicilia Orientale, non esitava a proporre tanti vini della parte di qua dell’isola.

Ecco le cantine da lui scelte: Continue reading “Top6 delle cantine della Sicilia Occidentale secondo Valerio Capriotti (Gambero Rosso)”

Le cronache dalla Sicilia di Andrea Scanzi

Personalmente ho amato i suoi libri sul vino, sono state introduzioni importanti per capire qualcosa di più su questo mondo sfaccettato e complesso: parlo di Andrea Scanzi, e dei suoi Elogio dell’invecchiamento Il vino degli altri. Ultimamente è molto più comune ascoltarlo e leggerlo su altri argomenti (e noi non entriamo nel merito); ma è stato bello rivederlo sul suo blog Il vino degli altri dopo un lungo periodo di silenzio. E dopo 11 mesi da dove poteva ripartire se non dalla nostra isola?  Continue reading “Le cronache dalla Sicilia di Andrea Scanzi”

Maquè 2015

Uva e Pomodoro

Maquè 2015
(Porta del Vento, Sicilia)

Il vino è una specie di riso interiore
che per un istante rende bello
il volto dei nostri pensieri.
Henri de Régnier

Porta del Vento è una vallata sulle colline del territorio di Camporeale in provincia di Palermo, a circa seicento metri di altitudine, nella zona dell’Alcamo doc e del Monreale doc. L’omonima azienda vanta circa diciotto ettari, di cui quattordici impiantati a vigneto, su terreni prevalentemente sabbiosi, dove prevalgono il cataratto e il perricone. I vigneti sono allevati principalmente ad alberello e hanno circa quarantadue anni di età. Il titolare Marco Sferlazzo ha orientato l’azienda nella direzione del biologico e del biodinamico. Nella coltivazione non viene infatti utilizzato alcun prodotto di sintesi, ma si cerca di mantenere l’equilibrio del vigneto grazie alle erbe spontanee. Di conseguenza anche in cantina non viene effettuato alcun intervento. Il risultato sono dei vini dalla gradazione alcolica contenuta e…

View original post 66 altre parole

Sicilia spumeggiante 2 (Bibenda)

Si chiama Voria, ed è il nome dello spumante ‘sur lie’  prodotto e ideato da Marco Sferlazzo, titolare di  Porta del Vento, azienda di Camporeale, in provincia di Palermo, già nota per altre tipologie di vino, sempre e solo da vitigni autoctoni, in particolare Perricone (varietà a  bacca nera) e Catarratto (varietà a bacca bianca).

Sferlazzo, farmacista, oltre dieci anni fa ha deciso di abbandonare la chimica per dedicarsi al vino seguendo i principi della biodinamica. Ed eccola la sua ultima scommessa: Voria, un nome più che eloquente, che in dialetto significa brezza, vento freddo. È stata ideata in tre varianti: bianco, rosato e rosso. Il bianco, da uve Catarratto, il rosato e il rosso, da varietà Perricone.

Sorgente: Bibenda7 – Sicilia spumeggiante 2