Gli Imperdibili della Guida dell’Etna

Un territorio che cresce in qualità, in modo esponenziale“.

Con queste parole Fabrizio Carrera ha presentato, in occasione di Taormina Gourmet, la Guida del’Etna 2018-2019 edita da Cronache di Gusto. Terza edizione che copre il biennio 2018/2019 e contiene i giudizi delle nuove annate delle produzioni del Vulcano. Nella Guida sono recensiti, complessivamente tra bianchi, rossi e rosati, 310 vini. 

etna-2018 Continue reading “Gli Imperdibili della Guida dell’Etna”

Sicily – A Wine Region That’s An Island Apart (Forbes)

Sicily has many positive images (as well as a few not-so-positive), but when it comes to Sicilian wines, the subject is a bit of a puzzle to many. There are several reasons for this, but lately, producers in select areas such as Vittoria, Noto and Etna are crafting some pretty special products that are receiving a lot of attention and changing the mindset of consumers and the wine trade about the wines of Sicily.

Perhaps the most positive notion of Sicily is that everyone knows the name, and anyone can find it on a map of Italy; this last point is certainly not true with some of the country’s regions such as Abruzzo, Marche or Emilia-Romagna. So familiarity helps gets Sicilian producers get a foot in the door in the market, but unfortunately the identity of this region’s wines has for too long been one of sub-par quality.

This is based on the notion that Sicily is not a place to produce wines of elegance and finesse; the hot climate leads to lower acidity, meaning the wines lack structure and freshness. Add to that the fact that for decades, most table wine that emerged from the region was little more than bulk wine; flavorful, yet heavy, these wines were often shipped in tankers to other parts of Italy to “beef up” lighter red wines.

In fact, the history of quality for Sicilian wines in previous years was primarily focused on Marsala, one of the world’s most highly praised fortified wines, made in several styles, from very dry to medium-sweet. Yet even given the renown for the finest examples of Marsala, the strongest image with this wine for many consumers is for cooking, as with Veal Marsala or Chicken Marsala, hardly the stuff of greatness.

Antonio Rallo, proprietor of Donnafuagata Winery, one of Sicily’s most famous producers (PHOTO COURTESY OF DONNAFUGATA)

About 40 years ago, a few producers decided to do something about the image of Sicilian wines, so production of bulk wine was decreased – although it is still a large part of the region’s wine industry – and planting of international varieties such as Chardonnay, Cabernet Sauvignon, Merlot and Syrah were undertaken. Add to this a new focus on indigenous varieties such as Grillo and Carricante for white and Nero d’Avola and Frappato for red, and all of a sudden, the Sicilian wine pallete was aglow with a multitiude of colors and flavors.

Talk to enough Sicilian producers and you’ll learn they believe that Sicily is a magical place to make wine, as it is such a distinctive land. “The climate, the countryside, the customs, the terroir and its varieties are very different from other regions,” says Alessio Planeta, co-proprietor of his family’s winery, one of the region’s greatest ambassadors.

Alessio Planeta, co-proprietor of Planeta Winery, one of the best known of all Sicilian wine estates (PHOTO COURTESY PLANETA WINERY)

The weather, though it may be hot, does assure that almost anything can grow on the island. “Sicily is regarded a place that can grow almost any grape presenting an extraordinary patrimony of biodiversity with over 70 indigenous grape varieties,” comments Antonio Rallo of Donnafugata, another renowned Sicilian wine estate. “This is why people describe Sicily as a wine continent.

Given its viticultural history skewed toward workman-like wine, it is no surprise that there has not been an iconic Sicilian wine, such as Brunello di Montalcino from Tuscany, Barolo and Barbaresco from Piemonte or Amarone from the Veneto. While this may have meant a lack of media attention toward Sicilian wines, the renaissance that started 40 years ago and continues today, has resulted in exciting new ventures and paths of the region’s viticulture. “Sicily is in a constant acquisition of auto renewal,” says Planeta. There is an improvement in knowledge and awareness of our terroirs, as well as among ourselves.”

Today, the wines of the Etna District in northeastern Sicily, are the ones that garner the greatest attention. “Etna is the hot ticket for driving Sicily’s quality image, both in Italy and abroad, with its cooler climate, volcanic contenders red Nerello Mascalese and white Carricante having attracted much global attention among sommeliers and independent merchants,” Rallo remarks. Planeta agrees, commenting, “Etna has the magic at the moment and is a positive thing for all of the island.”

The wines of Etna are something of a minor miracle given the rocky soils of volcanic ash and pumice that were formed by lava flow from the nearby volcano. It’s a difficult venture for a grape grower, notes Giuseppe Tornatore of the eponymous Etna estate. “It takes a lot of patience and dedication because what elsewhere is done in one year, it is done in two years in Etna. It takes a lot of sacrifice, suffering always the magnetism of the volcano and everything that depends on it.

Examples of Etna Bianco are made primarily with the local Carricante grape and have various characteristics, with some offering melon and pear fruit, while others display distinct minerality, even resembling the wines of Chablis in Burgundy. Overall, the best of these whites have shown tremendous improvement in a very short period of time.

It is the reds however that are most famous, made from the indigenous Nerello Mascalese variety. These wines have been called “Italy’s Burgundies,” and no wonder given the appealing cherry and sometimes strawberry aromas and its sleek finish. Some producers have opted as of late for a more powerful style of Etna Rosso that is more tannic (almost like a Nebbiolo-based wine from Piedmont), but this dual identity only adds to the allure of the red wines of Etna.

Planeta Winery near Noto, one of several wine facilities of the company (PHOTO COURTESY OF PLANETA WINERY)

Arguably the best-known red from Sicily over the past twenty years has been Nero d’Avola, an indigenous variety. Its popularity is due to its appealing black cherry and plum fruit backed by relatively smooth tannins. Sicilian producers love it, as it also works well when blended with other red varieties such as Merlot and Syrah.

The Duca di Salaparuta winery bottled the first monovarietal Nero d’Avola they named “Duca Enrico” back in 1984; today this is still regarded as one of the best examples of this variety. Other classic examples include the “Mille e Una Notte” from Donnafugata (about 90% Nero d’Avola) and the “Santa Cecilia” from Planeta, labeled as Noto DOC. This last wine, initially made in the 1997 vintage, has become a classic example of Nero d’Avola structured for aging, as 12 and 15-year old bottles are still drinking well.

Another red that has become successful over the past few years is Cerasuolo di Vittoria, a blend of Nero d’Avola and Frappato. Cerasuolo means “cherry like”; this fruit emerges in the aromas, along with red and orange rose perfumes, and there are soft, silky tannins, thanks to the Frappato. Here is a red that tastes great when chilled for 15-20 minutes, and given the lightness of the tannins, it is ideal with duck breast, chicken in red wine or even tuna. Top examples include the Feudi del Pisciotto “Giambattista Valli”, the “Floramundi” from Donnafugata, and the alluring, ultra delicious “Dorilli” from Planeta.

Briefly on whites, Grillo is an indigenous variety that for years was used in the production of Marsala. But on its own, it has appealing exotic fruit aromas and pairs well with a variety of foods, from poultry to lighter seafood; look for the examples from Valle dell’Acate and the “Sur Sur” from Donnafugata.

There are countless other whites that I can recommend, from the 100% Fiano from Planeta known as “Cometa,” a sumptuous, dry white that is among Italy’s best, as well as “Lighea” a dry Zibibbo (Moscato) from Donnafugata, and the Tasca d’Almerita “Contea di Sclafani” Chardonnay. There are countless treasures – white, red and sweet – throughout Sicily – and the best producers there are diligent in their efforts to take the region’s wines to the next step, as Planeta remarks. “We are past the period of experimentation and are now in a period of increasing our knowledge of our terroirs. We are uniting the results of past years with a studious attention of tradition.

The rest of this interesting article and the notes on current releases are here.

Tre Bicchieri 2019: i Vini di Sicilia

Pubblicata in questi giorni sul sito del Gambero Rosso l’antemprima dei 3 Bicchieri premiati nella guida del 2019: ancora in crescita il numero dei vini di Sicilia presenti. Infatti, dopo i 20 del 2016, i 21 del 2017 e i 22 del 2018, quest’anno i vini dell’isola presenti sono arrivati ad essere 25.

9159577bce7cda126f02938faf6ea1e6_L.jpg

Fra i nuovi nomi che compariranno quest’anno nella Guida del Gambero Rosso, si notano quelli di Cantine Mothia, Tenuta di Fessina, Alta Mora, Palmento Costanzo, Graci, Giroloamo Russo e Tenute Bosco. Notevole la presenza dei vini dell’Etna, a testimonianza della crescita continua della Muntagna nel mondo dell’enologia: sono 3 i bianchi e addirittura 8 i rossi (il doppio dello scorso anno) premiati. Continue reading “Tre Bicchieri 2019: i Vini di Sicilia”

I Vini di Sicilia premiati da “5StarWines THE BOOK”

In occasione del Vinitaly è stata presentata la nuova guida di vini “5StarWines THE BOOK”, che vuole premiare e stimolare lo sforzo delle aziende che investono nel continuo miglioramento qualitativo dei propri prodotti, attraverso un raffronto prestigioso che individui uno strumento unico di marketing e di promozione sui mercati internazionali.

I vini sono stati valutati da panel giudicante di esperti di altissimo valore internazionale e di specifica conoscenza geografica (Master of Wine, Master of Sommelier, Sommelier, esperti giornalisti ecc.), condotto da Ian D’Agata, direttore scientifico di Vinitaly International Academy. Qui i nominativi dei giurati.

Ecco le aziende Siciliane, e i loro “vini di Sicilia”, segnalati nella guida: Continue reading “I Vini di Sicilia premiati da “5StarWines THE BOOK””

I Vini di Sicilia premiati da “I Vini d’Italia 2018”

Sono 21 i vini siciliani fra i 300 premiati dalla guida “I Vini d’Italia 2018” de L’Espresso. Come l’anno scorso sono stati suddivisi in categorie: vini da bere subito (solo 1 fra i vini di Sicilia), i vini da comprare (10), i vini da conservare (8) Quest’anno sono stati anche inseriti i vini da riassaggiare (2 siciliani), cioè i vini presentati in guide degli anni passati ritenuti ancora degni di menzione . Continue reading “I Vini di Sicilia premiati da “I Vini d’Italia 2018””

I Top Hundred Siciliani 2017 di Papillon

Nuovo giro di giostra e nuovi vini premiati: è la volta dei Top Hundred 2017 di Papillon, i vini scelti da Paolo Massobrio e Marco Gatti, i due giornalisti con il papillon.

4117c30f7ae4cd649abbd67d52b02aba_f32704

La loro sfida annuale è quella di individuare 100 cantine nuove con un vino che possa salire agli onori del miglior vino d’Italia. Sono i Top Hundred di Papillon, che saliranno sul palco di Golosaria, domenica 12 novembre, per la prima volta, perché da 15 anni, non viene mai premiata la cantina degli anni precedenti. Quest’anno, ad esempio si registra l’exploit della Sicilia, davvero ricca di novità, così come il dinamico Triveneto. E noi di Vini di Sicilia non possiamo che raccontarvelo. Continue reading “I Top Hundred Siciliani 2017 di Papillon”

Anteprima Tre Bicchieri 2018: i Vini di Sicilia

Iniziano le anteprime della Guida del Gambero Rosso e si parte dalla Sicilia, presente come mai prima: 22 Tre Bicchieri a testimonianza del periodo di grande crescita dei Vini di Sicilia. Continue reading “Anteprima Tre Bicchieri 2018: i Vini di Sicilia”

Guida ai Vini del Giornale di Sicilia 2017: I Superpremi

MIGLIOR SPUMANTE – EXTRA BRUT 2009 DI MURGO Perlage bello da vedere e lungo. Ha profumi floreali, mandorlati con note di pompelmo e una traccia leggerissima salmastra. In bocca è freschissimo e chiude con un lungo finale sapido

MIGLIOR VINO BIANCO – DOC ETNA BIANCO ANTE 2014 DEI CUSTODI DELLE VIGNE DELL’ETNA Naso pulito ed elegante con pompelmo, erbette aromatiche e sentori balsamici. Il sorso è dinamico, vibrante con un’evidente nota salina che cavalca un lunghissimo finale

MIGLIOR VINO ROSATO – DOC SICILIA ROSÀ 2015 DI GULFI Dal bel colore rosa antico. Questo vino offre profumi di fragoline, lampone, melograno e noce moscata. Al palato è fresco e fruttato. Una bella interpretazione di una tipologia sempre più importante

MIGLIOR VINO ROSSO – DOC FARO 2012 DI PALARI Dal colore rosso rubino con riflessi aranciati ha profumi intriganti con sentori di sottobosco, terra bagnata e richiami balsamici finissimi. Il sorso è di incredibile freschezza, cremoso, elegante e di grande persistenza

MIGLIOR VINO DA MEDITAZIONE – VECCHIO SAMPERI DI DE BARTOLI Un vino che lega passato e presente. Ha un naso intenso, pulito e complesso di frutta secca, fichi secchi, mirto e una nota di eucaliptus. Al palato è multidimensionale, fine, con freschezza, mirabile equilibrio e persistenza infinita

MIGLIOR RAPPORTO QUALITÀ-PREZZO – DOC SICILIA CENTUNO 2013 DI CVA Un naso con intriganti note di prugna e cioccolato. Il sorso è ricco, ben articolato, di buon equilibrio e notevole persistenza. Un rosso che coniuga piacevolezza e grande convenienza

MIGLIORE AZIENDA EMERGENTE – TORNATORE Una storia antica, una visione moderna. L’atto d’amore di una famiglia per uno dei territori del vino più importanti d’Italia. Una sfida, una scommessa e tanti investimenti per questa cantina per la prima volta in guida dalle idee chiare e dai risultati già tangibili

MIGLIOR ENOLOGO – MARIO RONCO sapienza, esperienza, passione. Sono gli ingredienti che ha mescolato al servizio della Sicilia del vino. Tra zolle e filari, tra botti e fermentazioni ha consolidato negli anni una grande conoscenza e grandi risultati. Suo è il rosso più premiato nelle dieci edizioni della guida

MIGLIOR RAPPORTO CANTINA-TERRITORIO – GORGHI TONDI Andare in questa cantina per una semplice visita può rivelarsi una passeggiata ecologica. Le vigne, il mare africano, i suoli sabbiosi, la luce immensa e una riserva naturale che è anche una sorta di motel per uccelli migratori. Cosa volere di più?

MIGLIOR VITICOLTORE – ALDO VIOLA La sua vita è tra i vigneti. Quelli in collina, freschi e ventilati. E quelli in pianura che sentono la brezza e il sole battente. In questo microcosmo si muove con idee chiare e un po’ controcorrente. Rispetto per la terra e per l’uva da essa generata. Sono le sue password di vignaiolo

Sorgente: Presentata la Guida ai Vini del Giornale di Sicilia – ECCO I SUPERPREMI

I quattro versanti dell’Etna: vini così diversi (Cronache di Gusto)

Interessante degustazione a Expo Food and Wine a Catania con confronto fra i diversi versanti dell’Etna. Continue reading “I quattro versanti dell’Etna: vini così diversi (Cronache di Gusto)”

Una serata con i rosati di Sicilia (EgNews)

Quello dei vini rosati siciliani è un mondo molto interessante ad oggi ancora a molti sconosciuto poiché, in passato, questi vini non raggiungevano dei risultati particolarmente apprezzabili. Si tratta, infatti, di una strada in salita, ma che, se ben percorsa, è in grado di dare tante soddisfazioni offrendo l’opportunità di scoprire le potenzialità delle nostre varietà di uve autoctone quali Nerello Mascalese, Nero d’Avola e Perricone.

Sarà forse per questo motivo che il numero degli estimatori dei vini rosati siciliani è in netto aumento come ha dimostrato il successo della serata svoltasi lo scorso 14 settembre nella splendida location del ristorante Seven di Palermo, presso l’Hotel Ambasciatori. Si è trattato di una degustazione dedicata unicamente ad alcuni tra i migliori vini rosati siciliani, finalizzata a fare scoprire ed apprezzare una tipologia di vino ancora poco conosciuta dai consumatori ma capace di offrire piacevolezza e convivialità.

Gli estimatori di questo tipo di vino hanno avuto la possibilità di degustare un’accurata selezione di ben 18 prestigiose etichette provenienti da varie zone vitivinicole della Sicilia:

  • Baglio del Cristo di Campobello, C’D’C Rosato 2015
  • Calcagno, Arcuria Rosato 2015
  • Cantine Settesoli, Mandrarossa Perricone Rosè 2015
  • Cossentino, Rosa del Sud 2015
  • Curto, Eos Eloro Doc 2015
  • Cva Canicattì, Delicio 2015
  • Di Giovanna, Gerbino Rosato di Nero d’Avola 2015
  • Fondo Antico, Aprile 2015
  • Gulfi, Rosà 2015
  • I Custodi delle vigne dell’Etna, Alnus 2015
  • Lombardo vini, Fiore di Nero 2015
  • Milazzo, Terre della Baronia 2015
  • Murgo, Murgo Brut Rosé 2011
  • Palmento Costanzo, Mofete 2015
  • Piano dei Daini, Piano dei Daini Etna Rosato 2014
  • Tasca d’Almerita, Amerita Rosé 2011
  • Tenuta di Fessina, Erse Etna Rosato Doc
  • Tornatore, Etna Rosato Doc 2015

Qui le impressioni delle degustazioni: Una serata con i rosati di Sicilia – EgNews OlioVinoPeperoncino – gastronomia, vino, cucina, champagne, viaggi e turismo