Gli Imperdibili della Guida ai Vini dell’Etna

A settembre sarà pubblicata per il quarto anno consecutivo la Guida ai Vini dell’Etna dei nostri amici di Cronache di Gusto.

Tanti i numeri di questa nuova edizione: le cantine recensite sono ben 105, ventuno in più della Guida dello scorso anno, segno di una vitalità dell’Etna da bere che non ha eguali nel tutto il territorio nazionale; 389 sono i vini presenti nella Guida. E ben 27 sono gli Imperdibili. Ecco la lista completa:

BIANCHI 

  • Doc Etna Bianco Superiore Contrada Villagrande 2015 – Barone di Villagrande
  • Doc Etna Bianco Contrada Cavaliere 2017 – Benanti
  • Doc Etna Bianco Millemetri 2015 – Feudo Cavaliere
  • Doc Etna Bianco Ante 2017 – I Custodi delle Vigne dell’Etna
  • Doc Etna Bianco Superiore VignadiMilo Caselle 2016 – I Vigneri
  • Doc Etna Bianco Il Musmeci Contrada Caselle 2015 – Tenuta di Fessina

ROSSI

  • Doc Etna Rosso Feudo di Mezzo 2015 – Alta Mora-Cusumano
  • Vigne Vecchie 2010 – Calabretta
  • Doc Etna Rosso Feudo di Mezzo 2017 – Calcagno
  • Doc Etna Rosso Cisterna Fuori 2017 – Ciro Biondi
  • Doc Etna Rosso Riserva Zottorinoto 2015 – Cottanera
  • Doc Etna Rosso Nonno Ciccio 2015 – Francesco Modica
  • Magma 2017 – Frank Cornelissen
  • Doc Etna Rosso San Lorenzo 2017 – Girolamo Russo
  • Doc Etna Rosso Arcuria 2017 – Graci
  • Doc Etna Rosso Prefillossera 2016 – Palmento Costanzo
  • Contrada S 2017 – Passopisciaro
  • Doc Etna Rosso 2016 – Masseria Setteporte
  • Doc Etna Rosso Barbagalli 2016 – Pietradolce
  • 980 2017 – Sciara
  • Src Rosso Rivaggi (2017) – Src Vini
  • Doc Etna Rosso Contrada Sciaranuova VV 2016 – Tascante-Tasca d’Almerita
  • Doc Etna Rosso Calderara Sottana 2017 – Tenuta delle Terre Nere
  • Doc Etna Rosso Vico 2016 – Tenute Bosco
  • Doc Etna Rosso Don Michele 2017 – Tenute Moganazzi
  • Doc Etna Rosso Riserva 2014 – Tornatore
  • Rosso CR (2017) – Vino di Anna

I Vignaioli di Etna Fusion e l’Etna (parte II)

Dopo le introduzioni di vignaioli di Etna Fusion della scorsa settimana (Lorella Reale, Marco Colicchio e Thomas Niedermayr) è la volta di incontrare Sybil Baldassarre, Stefano Amerighi e Paolo Baretta di Rocco di Carpeneto.

Iniziamo con Sybil Baldassarre, di La Graine Sauvage; Sybil dall’Italia si è trasferita in Languedoc a fare vini per conto suo.
– Sybil, cosa conosci (ed, eventualmente, cosa ti piace) dei vini dell’Etna?
“I vini dell’Etna li amo particolarmente poiché, come tutte le terre vulcaniche, hanno quel quid in più che li rende incontestabilmente unici e di singolare mineralità.
Sono vini autentici e provenienti da vitigni autoctoni, indissolubilmente legati alla loro zona di provenienza, con profili eleganti e pieni di freschezza, qualità rara nei vini del Sud.
Adoro i bianchi dell’Etna soprattutto dopo qualche anno di affinamento in bottiglia, sono vini che invecchiano splendidamente dando vita a profili aromatici assolutamente unici.
I rossi poi sono straordinari, spesso pinotteggiano come dei Grandi Bourgogne, sogno segretamente di provare a piantare i due mitici Nerelli anche qui a Faugères, nel sud della Francia. Continua a leggere “I Vignaioli di Etna Fusion e l’Etna (parte II)”

I Vini di Sicilia a Vinitaly 2018. Cosa dice la rete…

Il Vinitaly si è concluso da una settimana e fioccano sulla rete recensioni, impressioni, migliori assaggi e opinioni.

151852180379961

Abbiamo raccolto quelle che parlano dei Vini di Sicilia qui:

Continua a leggere “I Vini di Sicilia a Vinitaly 2018. Cosa dice la rete…”

7 Bottles that Put Sicily on the Map of Trendy Wine Regions (Food & Wine)

Terroir hunters love the stuff: a soil of salty ash, pumice and rock, steep slopes, and a star grape variety—Nerello Mascalese—that can channel intense minerality and that tastes like the lovechild of Nebbiolo and Pinot Noir. The appellation has attracted a flock of talented winemakers, some avant-garde, some seeking to revive the oldest traditions (three of them profiled below), and a new generation of drinkers who love a good story as much as a great glass.

Continua a leggere “7 Bottles that Put Sicily on the Map of Trendy Wine Regions (Food & Wine)”

In The Vineyards With: Anna Martens (Vino di Anna, Sicily) | Got Legs

Anna makes her wine in an old palmento located in the village of Solicchiata (also on north face of the volcano, but slightly more inland.) Like nearly all the wines I talk about on this blog, they are made with minimal intervention, only natural yeasts, and little-to-no SO2. Some wines (the Etna Rosso) are aged in wood barrels, others in Georgian qvevri and others still accordingly to the traditional method of open-fermentation in a palmento then crushed by feet.

Sorgente: In The Vineyards With: Anna Martens (Vino di Anna, Sicily) | Got Legs